Cosa mangiare a Tirana COMMENTA  

Cosa mangiare a Tirana COMMENTA  

La cucina di Tirana, così come nel complesso tutta la gastronomia albanese, è stata influenzata dai Paesi vicini, principalmente Grecia e Turchia. Sapori e i profumi tipici, se da una parte, sono eredità di secoli di dominazione ottomana e quindi islamica.

La nazione più vicina all’Albania rimane la Grecia, geograficamente e culturalmente. Le due nazioni hanno infatti in comune diverse pietanze e prodotti locali, tra tutti olio d’oliva e miele.

La cucina locale è caratterizzata da piatti unici, composti quasi sempre da carne e riso, a volte accompagnati da piccoli antipasti (chiamati Meze). Ambedue le tradizioni culinarie, greca e albanese, offrono una varietà incredibile di ortaggi, spezie, carni e prodotti del mare.

I piatti tipici a Tirana sono un crogiolo di sapori, locali ma anche internazionali: accanto a quelli di carne (abbondano i piatti a base di agnello, montone, vitello e maiale, spesso cucinati alla griglia) come l’ottimo shishqebap o il fërgesë (piatto composto da carne macinata di maiale, fritta e servita con il formaggio feta e aglio), troviamo spesso pietanze italiane, cinesi o arabe (il lakror, per esempio, una frittella stufata con fagiolini, pomodori, erbe aromatiche e spezie). Non perdetevi il pane tipico albanese, che a Tirana si può comprare appena sfornato nei numerosi panifici artigianali della città.

L'articolo prosegue subito dopo

Per la strada trovate anche locali per la preparazione veloce dei petë, comunemente noti come phyllo, o pasta fillo, una sorta di involtini di pasta a sfoglia ripieni di formaggio o vegetali o con le patate (esiste anche la versione dolce, i famosi baglava).

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*