Cosa mangiare ad Istanbul COMMENTA  

Cosa mangiare ad Istanbul COMMENTA  

Istanbul non è solo una città straordinariamente incantevole, ma è anche ricca di prodotti culinari strepitosi. Il kebab è straordinario ed è preparato nei modi più svariati. Ne ho assaggiati di deliziosi, tra l’altro a costi davvero bassi. Molti piatti sono accompagnati da pita, un pane sottile. Da provare è il Dőner kebap, ovvero agnello allo spiedo. Personalmente mi sono innamorata dei Sigara böregi, pasta sfoglia fritta ripiena di formaggio.


Nei ristoranti potete trovare i mezes, stuzzichini caldi e freddi, come insalate, purè di melanzane, calamari fritti con pangrattato, peperoni verdi ripieni di uva passa, riso e pinoli.


Nelle strade della città, soprattutto nei pressi del ponte di Galata,  è possibile trovare rivenditori di balik ekmek (pesce nel pane), panino con sgombro alla griglia, molto gustoso ed economico.


Deliziosi sono piccoli dolcetti chiamati lokum (boccone): sono piccoli dolci realizzati in diverse varietà e gusti, inventati nel 1777 da Ali Muhiddin. Strepitosi sono i croccanti di frutta secca, quelli al pistacchio sono davvero una tentazione a cui è difficile dire no. Anche il gelato turco non è niente male, vi verrà servito in modo originale da venditori ambulanti, che mettono in scena un vero e proprio spettacolo.

L'articolo prosegue subito dopo


Tra le bevande è da provare il caffè turco, lo yogurt salato, e il raki. Il raki (dall’arabo araki che significa sudorazione) è ottenuta distillando uva passa e aggiungendo anice, viene bevuto con acqua e ghiaccio divenendo color latte, per questo è detto “latte del leone”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*