Cosa mangiavano le persone nel Medioevo? COMMENTA  

Cosa mangiavano le persone nel Medioevo? COMMENTA  

Le leggende e il folklore che circondano l’Europa nel medioevo ci portano alla mente visioni di un re grasso e allegro che banchetta con una coscia di tacchino insieme ai suoi leali sudditi. I film hanno dato spesso una visione di maniere selvagge e mancanza di etichetta, ma cosa si mangiava realmente nel Medioevo?

Tipi di cibi

La base dell’alimentazione medievale erano i cereali. Le classi più povere usavano orzo e segale; il grano era il preferito della nobiltà. La carne era cara, persino per i ricchi, e di solito era selvatica e non di allevamento. La frutta e la verdura erano coltivate e consumate stagionalmente. La maggior parte erano tuberi, come carote, cipolle, rape e barbabietole.


Conservazione

Senza il congelamento o le tecniche di inscatolamento, conservare il cibo era necessario nel medioevo. Il cibo era conservato sott’aceto, con l’essiccatura, o sotto sale. Erano usati anche i metodi di fermentazione per conservare la frutta e i cereali, producendo vini e birre.


Tecniche di cottura

Le tecnologie per creare i forni esistevano, ma erano molto care e non disponibili per le masse. La maggior parte del cibo era cucinata su fiamma o in una padella. Si producevano burro e formaggio spesso serviti come le proteine di un pasto. La carne, se c’era, era cucinata a volte su uno spiedo.


Pietanze

Poichè i cereali erano molto importanti nel medioevo, il pane e i cereali erano i piatti principali di un pasto. Molte pietanze erano cucinate in una singola padella in modo da non sprecare nessun sugo. Si preparavano torte salate usando frutta, carne o pesce, uova e pane. Creme e crostate erano preparate come dessert.

L'articolo prosegue subito dopo


Spezie

Le spezie erano un grosso lusso nei pasti medievali. Il sale era più popolare, sia come condimento che come conservante. Spezie costose dal lontano oriente, come pepe, zucchero, zenzero, cannella e noce moscata, erano mischiate con le erbe locali per craere nuovi sapori.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*