Cosa regali al Papa se sei un tecno-ad?

News

Cosa regali al Papa se sei un tecno-ad?

Un drone Facebook per Papa Francesco: la tecnologia della comunicazione come strumento per trasmettere un messaggio di speranza.

Lunedì Mark Zuckerberg e la moglie Priscilla Chan hanno incontrato Papa Francesco e gli hanno donato un drone.

“Non dimenticherò mai questo incontro”, ha detto Zuckerberg, “ho percepito il calore (del Papa) e la sua gentilezza, e ho capito con quanto fervore si preoccupi di aiutare la gente.”

Zuckerberg ha aggiornato il suo profilo personale su Facebook (FB, Tech30) con una foto che lo ritrae mentre consegna al Papa un modellino di Aquila. E’ un drone a energia solare che Facebook spera possa aiutare ad espandere l’accesso di internet nei paesi in via di sviluppo.

“Hanno parlato di come usare la tecnologia della comunicazione per alleviare la povertà, stimolare la cultura degli incontri, degli scambi, e per trasmettere un messaggio di speranza, specialmente alle popolazioni più disagiate”, ha comunicato l’Ufficio Stampa Vaticano in una dichiarazione.

Zuckerberg ha annunciato il suo viaggio in Italia la scorsa settimana, dopo che il paese è stato colpito da un sisma devastante. Aveva programmato una sessione di domande e risposte dal vivo per il lunedì pomeriggio e ha detto che non vedeva l’ora di passare del tempo con la comunità italiana.

L’amministratore delegato ha detto che Roma ha per lui un significato speciale. Qui ha trascorso la luna di miele con Chan, e dice di essere studioso di storia latina e classica.

Zuckerberg ha anche postato una foto che lo ritrae mentre corre vicino al Colosseo.

“Essere ancora a Roma è un sogno! La mattina abbiamo corso intorno al Circo Massimo e alla Casa di Augusto, fino al Colosseo. Correre per le strade di una città che le ha inventate, è una sensazione straordinaria.” ha detto.

Nel weekend Zuckerberg ha postato un aggiornamento e una foto del matrimonio del co-fondatore di Spotify, Daniel Ek, che è stato celebrato nei pressi del lago di Como.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...