Cosa significa omofobia COMMENTA  

Cosa significa omofobia COMMENTA  

Il termine omofobia, apparso nel 1970, deriva da omo, abbreviazione di “omosessuale” e fobia, dal greco Phobos significa paura. Si riferisce ad espressioni di disprezzo, rifiuto e odio della gente, pratiche o dichiarazioni omosessuali.

Leggi anche: 10 app che ti permettono di guadagnare soldi

L’omofobia è un rifiuto della differenza, così come la xenofobia, il razzismo, il sessismo, la discriminazione sociale, legato alle credenze religiose, disabilità, ecc. L’omofobia è qualsiasi evento, dichiarato o non, la discriminazione, l’esclusione o la violenza contro gli individui, i gruppi o le pratiche omosessuali o percepiti in base dell’omosessualità.

Leggi anche: 10 consigli per far durare più a lungo i vostri vestiti

Un atto omofobo è anche aggressione fisica, verbale o scritta, diffamazione nei confronti di persone, uomini o donne, per il solo fatto di una reale o presunta omosessualità. E’ anche un incitamento all’odio, alla violenza o alla discriminazione.

Come si manifesta?
Nella sua forma più grave, l’omofobia è espressa da violenza fisica e può degenerare in percosse, di stupri e persino omicidi.
In una forma più quotidiana, provoca reazioni, riconosciute o no, il rifiuto, l’esclusione: abuso verbale o scritto, umiliazioni, vessazioni,danni alla proprietà e alla discriminazione. Può anche manifestarsi in forme di pietà, lo sdegno o essere un tabù.

L'articolo prosegue subito dopo

Essa si manifesta in tutte le aree della vita: la famiglia, gli amici, l’ambiente, vicinato, lavoro, scuola, vita, negozi, servizi, amministrazioni, luoghi pubblici.

Quali sono le sue conseguenze?
L’omofobia può avere conseguenze psicologiche, fisiche e sociali drammatici per coloro che sono vittime.
Da un punto di vista psicologico, le conseguenze vanno da tristezza, ansia, depressione e persino tentato suicidio. Essi possono essere accompagnati da vari comportamenti a rischio (alcool, droga, sesso non protetto …).

Leggi anche

come-fare-sopracciglia-ad-ali-di-gabbiano
Guide

Come fare sopracciglia ad ali di gabbiano

Danno armonia a tutto il viso, eppure spesso vengono trascurate: le sopracciglia tornano protagoniste grazie alle star che adottano lo stile ali di gabbiano Sono molto di moda, piacciono, ma non sono adatte a tutti i volti. Sono le sopracciglia a forma di ali di gabbiano, che esaltano il magnetismo dello sguardo femminile, ma che non stanno bene a chiunque: il primo passo da fare prima di intervenire sulla “cornice” dei nostri occhi, infatti, è quello di chiedere un consiglio ad un esperto, possibilmente un estetista che ci sappia indicare con sincerità la soluzione più adatta ai nostri lineamenti. Ottenuto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*