Cosa vedere a Martinica

Guide

Cosa vedere a Martinica

La Martinica è una delle mete più unica nei Caraibi, grazie alla sua cultura creola francese e quasi totale assenza di visitatori americani. La capitale della Martinica, Fort de France, è vivace e invitante, mentre Trois Ilets serve come base di partenza per molti turisti. St. Pierre era capitale della Martinica fino a quando non è stata cancellata dalla carta geografica da un vulcano mortale nel 1902, e le rovine qui meritano una sosta.

Fort de France
Vivace capitale della Martinica è sicura e accogliente per un tour a piedi. Negozi e ristoranti – tra cui boutique francesi e negozi di pane – sono divertenti da esplorare. La fortezza della città si profila ancora imponente, ma è una base militare attiva e chiusa alle visite. Il culmine di ogni visita è una sosta al Mercato Coperto vivace, pieno di venditori che vendono prodotti inusuali tropicale, artigianato locale, e tonici popolari.

Trois Ilets
Se siete alla ricerca di bar, casinò, sport acquatici tutti in un unico luogo, dirigetevi al piccolo villaggio turistico di Trois Ilets.

L’Hotel Bakoua e altre località si trovano qui, che lo rende una base ideale per raggiungere a piedi i negozi locali o prendendo il traghetto a buon mercato attraverso a Fort de France. Ristoranti servono fino a circa 23:00, ed è possibile cenare presso il porto turistico o in vecchie case creole. Il Casino de Trois Ilets è proprio lungo la strada.

St. Pierre
Una volta descritta come la “Parigi dei Caraibi”, ex-capitale della Martinica è ora la Pompei dei Caraibi. Una eruzione del 1902 del vicino Monte Pele ha ucciso tutti i 20.000 abitanti di St. Pierre e cancellato la città. L’unico sopravvissuto è stato un detenuto in una cella di prigione, ancora oggi visibile.

Distillerie di rum
Il Rum è la linfa vitale agricola della Martinica, e ci sono una dozzina di distillerie che operano sull’isola. Martinica è nota per il suo rum agricolo fatto direttamente dalla canna, non melassa.

La distilleria Neisson è una vera e propria struttura di lavoro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*