Cos’è il bruxsismo COMMENTA  

Cos’è il bruxsismo COMMENTA  

Il bruxismo consiste in un disturbo che si manifesta durante il sonno e consiste nel digrignamento dei denti.  Digrignare i denti significa sottoporre i muscoli della mandibola ad una contrazione continua ed involontaria, ma prevede anche uno scivolamento dei denti che, con il tempo, possono indebolirsi e portare  problemi. Le cause certe non sono ancora note ma comunque si tratta di un disturbo riconducibile ad uno stato di ansia e stress: infatti circa un individuo su due, uomini o donne, soffre di bruxismo e anche  i bambini possono presentare, durante il sonno, questo disagio. Compare nello specifico di notte, durante le fasi leggere del sonno e spesso chi ne è affetto non sa neanche di avere questo disturbo. Nonostante ciò i segnali riconducibili al bruxismo sono molteplici: sonno difficile e senso di stanchezza al mattino sono i primi sintomi. Ma oltre a questi c’è anche lo sfregamento notturno dei denti che comporta indolenzimento della mandibola e a cui legati tutta una serie di disturbi quali mal di schiena, infiammazioni alle gengive, sensibilità al caldo e freddo, dolori alla faccia ed anche alla testa. E’ necessario quindi controllarsi periodicamente dal dentista, infatti il continuo sforzo porta i denti a consumarsi, con uno dei primi sintomi che porta la superficie del dente a presentarsi liscia, soprattutto quella dei canini. Il bruxismo si può curare grazie al byte, che consiste in una protezione dei denti rigida o flessibile, che si adatta perfettamente alla dentatura, creata in base ad un calco realizzato dal dentista, ma è acquistabile anche in farmacia  In ogni caso è sempre utile ascoltare il parere del medico che può consigliare la soluzione più adatta ad ogni tipo di esigenza.


 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*