Cos'è l'asma allergico? - Notizie.it

Cos’è l’asma allergico?

Guide

Cos’è l’asma allergico?

L’asma colpisce 22 milioni di americani. Dei bambini con l’asma, il 90% soffre di allergie che potrebbero essere fattori scatenanti di un’attacco d’asma. Gli allergeni di solito vengono di solito trasportati dall’aria ed entrano nell’organismo attraverso la respirazione di minuscole particelle della sostanza incriminata, ma possono essere introdotte nel corpo attraverso la pelle o la bocca. Gli allergeni più comuni sono il polline, la muffa, i feci degli acari della polvere, feci di scarafaggio e peli di animali, che sono una combinazione di peli e cellule di pelle morta.

Caratteristiche

Nel caso dell’asma allergico, le vie respiratorie diventano sensibili ad un determinato tipo di allergeni. Quando questi allergeni entrano nelle vie respiratorie, il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo nel tentativo di liberare il corpo dalla sostanza estranea. I muscoli che rivestono le vie respiratorie si restringono e si infiammano producendo un muco denso.

La combinazione tra la restrizione delle vie respiratorie e l’ostruzione di queste vie da parte del muco provoca la caratteristica tosse e il respiro affannoso che sono tipici dell’asma. Altri sintomi includono respiro accelerato o respiro affannoso e una sensazione di restringimento nel petto.

Identificazione

Identificare l’allergene potrebbe essere difficile e generalmente richiede test allergici o un prelievo di sangue. Il test più semplice da effettuare è il prick test. Questo test comporta la localizzazione di cerotti con potenziali allergeni sul dorso della mano e sull’avambraccio, per poi andare a pizzicare la parte interessata con una pinzetta. I risultati si manifestano entro 15 minuti. Se si è allergici all’allergene, una piaga o un rigonfiamento appaiono sulla pelle. Il test di reazione cutanea può essere effettuato se si dispone di una buona idea riguardo la posizione dell’allergene. Questo comporta l’iniezione dell’allergene nella pelle per individuare l’immunoglobulina E, una sostanza chimica che causa il rilascio di istamina da parte del corpo.

Il rilascio di istamina provoca gonfiore e prurito nell’area interessata. Il medico potrebbe decidere di effettuare uno dei molti esami del sangue per stabilire quale sia l’allergene specifico.

Considerazioni

Tenendo la casa libera dalla polvere e da altre sostanze irritanti è la forma migliore di prevenzione. Sebbene la polvere, il fumo e fragranze di candele o deodoranti per l’ambiente possono non essere i fattori scatenanti dell’attacco iniziale, possono irritare e prolungare i sintomi. Evitare ambienti con presenza di particelle sospese nell’aria può migliorare i sintomi dell’asma allergico.

Prevenzione/Soluzione

Il trattamento dell’asma allergico è vario e dipende dal caso specifico. Se l’allergene è conosciuto è può essere evitato, questo può essere il migliore trattamento. Possono essere prescritti degli antistaminici per combattere gli effetti delle reazioni allergiche. Gli inalatori o altri broncodilatatori vengono prescritti solo quando i sintomi sono manifesti o possono essere utilizzati come una misura di prevenzione a lungo termine.

Potenziale

Le persone che soffrono d’asma sono capaci di partecipare a sport e altre attività una volte che i sintomi vengono tenuti sotto controllo.

Monitorando nella maniera adeguata i sintomi e imparando ad evitare i fattori scatenanti può aiutare ad avere un discreto controllo sull’asma. Per alcuni, misure di prevenzione a lungo termine possono essere necessarie per prevenire futuri attacchi. Possono volerci diverse settimane affinché questi forniscano i dovuti benefici, ma spesso una volta che si raggiungono livelli terapeutici forniscono una buona prevenzione dei sintomi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*