Che cos’è reato per appalti truccati COMMENTA  

Che cos’è reato per appalti truccati COMMENTA  

Il reato è l’illecito penale, ovvero, un fatto costituisce reato solo quando la Legge collega al fatto stesso una pena (definita come sanzione penale).

Tra i reati parliamo qui di quello che si riferisce agli appalti truccati. E a riguardo degli appalti il Codice Civile, all’Art. 1655, fornisce la nozione di appalto pubblico, definendolo come un contratto con il quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un’opera o di un servizio, verso un corrispettivo in denaroL’appalto pubblico è un contratto a titolo oneroso, stabilito solitamente tra un imprenditore e una amministrazione o ente appaltante, avente come oggetto, l’ esecuzione di lavori pubblici, o la progettazione esecutiva e l’esecuzione di lavori pubblici in casi predeterminati.


Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di appalti truccati, ovvero di bandi di appalto già  programmati e di cui è già noto alle commissioni il vincitore della gara. L’appalto truccato, non solo nel settore pubblico ma anche nel settore privato.


Il reato per gli appalti truccati ricade tra gli illeciti penali, per tanto giuridicamente viene trattato da quella branchia della giurisprudenza. Le continue indagini giudiziarie, i processi, gli arresti dei prestanome e le confische delle proprietà dei rei mettono in rilievo sia la grossa consistenza economica sia la sua espansione su tutto il territorio italiano. 

Le indagini, a riguardo,sono tese a chiarire l’esistenza di un sistema illecito di gestione della gare in seno alle stazioni appaltanti, attraverso cui verrebbero “manovrate” le aggiudicazioni delle gare stesse o gli affidamenti diretti di servizi per lavori.

L’inchiesta, d’altro canto, ha proprio ad oggetto la turbativa della gara  e i criteri di aggiudicazione sono determinanti per stabilire come e se la gara poteva essere inquinata.

L'articolo prosegue subito dopo

Infatti come ha spiegato il gip in Materia, citando la giurisprudenza, “perché ricorra il reato di turbativa d’asta è necessario gli accordi collusivi devono essere idonei a influenzare l’andamento della gara”.

Leggi anche

About Maria Aufiero 172 Articoli
Traduttrice Freelance dal 2013, appassionata di arte, cultura e scrittura

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*