Costituita l’associazione ALTE TERRE a Cuneo COMMENTA  

Costituita l’associazione ALTE TERRE a Cuneo COMMENTA  

L’11 luglio scorso, presso la Sala Falco della Provincia di Cuneo, ospiti dell’assessore alla montagna Luigi Costa, si è costituita l’associazione “Alte Terre”.
Dopo una serie di incontri nelle langhe e nelle valli prima e al di là dei confini regionali e nazionali poi, la gente delle Alte Terre ha maturato la convinzione che occorra recitare, in modo organizzato e diretto, una parte attiva per pensare a un avvenire possibile sui monti e con questo obiettivo a Cuneo è nata una iniziativa che si estenderà sulle Alte Terre con sezioni locali in altre regioni e stati.

Gli obiettivi che ci si pone sono:
– affermare la centralità dell’uomo che vive le Alte Terre con i suoi interessi e le sue attività, considerando i giovani e le loro famiglie i destinatari privilegiati delle politiche sociali;

– proporre le Alte Terre come luogo per sperimentare attività economiche ecosostenibili e forme di convivenza sociale solidali che cerchino di rispondere positivamente alla crisi del modello di sviluppo urbano;

– individuare nel settore primario il cardine della vita dell’uomo sulle Alte Terre ;

– studiare e rimuovere gli impedimenti di vario genere che oggi ostacolano il fiorire di tutto il settore primario nelle Alte Terre, nonché per favorire quelle produzioni agricole ad alto valore aggiunto;

– sostenere forme di autogoverno locali per l’amministrazione del proprio territorio, difendendo il diritto di gestione in loco delle risorse montane, in particolare delle acque, dei boschi, dei pascoli e della fauna selvatica.


Si è scelto di collocare la sede presso la Provincia di Cuneo non solo per la sua centralità geografica, ma soprattutto per sottolineare l’importanza che essa ha avuto da sempre per le politiche montane nazionali.

Dopo la costituzione si è provveduto al tesseramento e la tessera numero uno è stata staccata per il Sen. Natale Carlotto, a cui la gente dei monti deve molto, alle sue idee e alla energia con cui le ha portate avanti si deve buona parte delle iniziative per lo sviluppo montano, come pure questa iniziativa, che è stata da lui caldeggiata e voluta.

L'articolo prosegue subito dopo

La prima Assemblea Generale dei Soci ha provveduto poi alla elezione degli Organi Direttivi che risultano così composti:
Consiglio:
Presidente ALIFREDI Giorgio, San Damiano Macra;
Vice presidente PEJRONE Franca, Pagno;
Vice presidente RICCA Celestino, Marsaglia;

Consiglieri
BERTAINA Margherita, Vernante;
BORGNA Antonio, Pamparato;
LEINARDI Antonio, Stroppo;
MOLINARI Giuseppe, Niella Belbo;
PEYRACHE Cristiano, Bellino;
PEROTTI Giovanni, Crissolo;

Revisori:
MASSIMINO Anna Maria, Centallo, presidente;
VIGLIONE Antonio, Villanova Mondovì;
DEGIOANNI Isabella, Sambuco;
MARTINI Bartolomeo, Boves;

Probiviri:
BAUDINO Franco, Elva, presidente;
CASTAGNINO Anna Maria, Ormea;
DEMATTEIS Francesco, Sampeyre;
GANARIN Lara, San Damiano Macra;
SERRA Sergio, Marmora;

Segretario Allocco Mariano, Prazzo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*