Costretto ad inginocchiarsi davanti alla maestra.E’ l’ultimo a finire il compito in classe COMMENTA  

Costretto ad inginocchiarsi davanti alla maestra.E’ l’ultimo a finire il compito in classe COMMENTA  

Due giorni fa i genitori di un bambino di 7 anni di Ostuni, nel brindisino, hanno denunciato l’insegnante di matematica del figlio per averlo umiliato, facendolo inginocchiare davanti a tutti gli altri studenti della classe e della scuola intera perchè troppo lento durante il compito di matematica basato sulla velocità di scrittura dei numeri. Il bambino, che frequenta la terza elementare, oltre ad essere costretto a mettersi in ginocchio, doveva anche ripetere a voce alta: “Io sono il più lento della classe” lungo i corridoi della scuola elementare. Un funzionario della scuola, vedendo la scena, avrebbe anche sostenuto questa punizione dicendo al bambino di essere più veloce la prossimo volta, avendo fatto ritardare l’uscita da scuola della classe.


Il caso è accaduto nei primi giorni di ottobre e il commissariato di Ostuni sta indagando sui motivi per cui questa denuncia sia stata esposta soltanto in questi ultimi giorni.


Quando si dice che questa è la società della velocità, del tutto e subito che spesso etichetta i più giovani privi di profondità e di capacità di riflettere.  Quello che lascia dubbiosi è che sia l’insegnante sia il funzionario abbiano mostrato una “sintonia” nella modalità di punizione.


Occorre certamente rallentare i ritmi e capire il vero senso dell’insegnamento soprattutto dei bambini.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*