Coutinho e l’Inter - Notizie.it

Coutinho e l’Inter

Inter

Coutinho e l’Inter

La vittoriosa prestazione nel derby ha reso euforico l’ambiente nerazzurro; certo i giocatori stanno incominciando a comprendere i nuovi schemi, il cammino è ancora lungo ma le vittorie portano fiducia nei propri mezzi.

Un giocatore che sta vivendo un periodo felice è il carioca Philippe Coutinho, il nr, 7 nerazzurro sta lentamente dimostrando di essere pronto per vivere una stagione da protagonista; il suo commento, rilasciato ai microfoni di SkySport24, sulla prestazione della beneamata, nella stracittadina sintetizza il pensiero di tutta la squadra : “Il derby è stato una serata bellissima. Sapevamo quanto sarebbe stato importante vincere e siamo contenti di averlo fatto, ma ora dobbiamo continuare. Inter a livello di Juve e Napoli? Sì, credo di sì. L’Inter sta facendo bene, speriamo di migliorare ancora e arrivare a essere primi in classifica. Se possiamo vincere lo scudetto? Sì! Speriamo proprio di sì”.

Ovviamente inevitabile è la domanda sul rapporto con l’allenatore Stramaccioni e con i compagni di squadra : “Stramaccioni, come dico sempre, dà fiducia a tutti: questo è importante per i giovani, li fa sentire importanti.

Credo stia facendo benissimo. Sono contento dell’arrivo di Antonio perché giocare con un grande calciatore è una cosa buona e lui è un grande campione. È bellissimo stare accanto a lui e questo è buono per tutta l’Inter. Più qualità c’è, meglio è. Sono contento di avere avuto la possibilità di giocare con lui, Milito, Eto’o, Sneijder. Sto vivendo un sogno”.

Per un giovane giocatore è importante giocare assieme ai campioni, ancora più importante è che i campioni siano prodighi di consigli, può capitare spesso nella vita di incontrare solo persone che si dimostrano insensibili a far crescere i giovani, tenendoli relegati ai margini.

Cereda Stefano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.