Cranio Randagio: le canzoni più famose COMMENTA  

Cranio Randagio: le canzoni più famose COMMENTA  

La morte improvvisa del rapper romano ha sconvolto molti personaggi della musica, a cominciare da Mika che aveva scelto il ragazzo per X-Factor. Non è ancora stata resa nota la causa del decesso.

L’ex concorrente di X-Factor, Vittorio Bos Adrei, conosciuto al pubblico come Cranio Randagio, è stato trovato morto il 13 novembre nell’appartamento di un amico, a Roma. Le cause del decesso non sono ancora state rese note, ma un primo referto medico ha escluso anomalie cardiache e cerebrali. Pare che a stroncare il giovane rapper, sia stato un mix di alcol e droga che avrebbe assunto ad una festa, la sera prima del decesso. Secondo una prima ricostruzione, il cantante dopo essersi svegliato al mattino, si sarebbe sentito improvvisamente male, accasciandosi davanti agli amici.


Cranio Randagio aveva partecipato al talent X-Factor nel 2015 e le sue rime avevano incantato Mika, che lo aveva scelto per la sua squadra. E’ stato proprio quest’ultimo a mandare via Twitter un messaggio di cordoglio alla famiglia di Vittorio: “Ricorderemo la sua grande voglia di fare musica. Il mio pensiero va alla madre e alla famiglia di Cranio”.
Il rapper romano, neolaureato, stava ultimando il suo album che sarebbe dovuto uscire a breve. Ma nel frattempo le sue canzoni avevano riscosso molto successo ed erano amate da molti sostenitori di Cranio Randagio.


Il suo primo cd pubblicato, è stato “Crescere 2.0”, il  trampolino di lancio verso il mondo della musica. Una delle canzoni più famose all’interno del disco oltre a “Vittorio come va?”, “Il clima cambierà” ecc, è “Petrolio”, che è stata mandata in onda anche nella scorsa puntata di X-Factor per ricordare il cantante.

Una canzone che a molti è sembrata quasi profetica, poichè tra le rime si legge questo ritornello:

“Io volerò, io volerò via
come un gabbiano pure se il petrolio mi pesa sul dorso smorzando la scia
io volerò via, io volerò via
perché nel cielo c’è molto di più
che in questa terra sbranata da gru
che in questo oceano sempre meno blu”.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*