Crediamo al destino?

Guide

Crediamo al destino?

Doom

“Non è nelle stelle che è conservato il nostro destino, ma in noi stessi” William Shakespeare

Molte persone si affidano ciecamente agli oroscopi, pensando che quello che accadrà loro, sia da un momento all’altro che in un futuro più remoto, sia già scritto nelle stelle, o nella volontà di qualche divinità. Questo quindi li spinge a non agire, ad essere paurosi ed irresoluti, e a non prendere decisioni in un senso o nell’altro.

C’è poi un altro tipo di atteggiamento, quello che ci suggerisce il Grande Bardo: ovvero rendersi consapevoli che gli unici scrittori del destino individuale siamo noi. Anche se ci sono eventi, spesso anche tragici o luttuosi, che ci capitano e basta, qualcosa si può fare sempre.

Si può reagire senza accettare passivamente le cose che succedono, ma cercando sempre di prenderle come spunto per una nuova avventura e una nuova partenza, per una rinascita continua.

Ognuno di noi decide se credere o no all’esistenza di un destino ineluttabile, e si comporta di conseguenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*