Cresce ancora la disoccupazione in Italia, mentre si parla di articolo 18

Economia

Cresce ancora la disoccupazione in Italia, mentre si parla di articolo 18

Giovani in cerca di lavoro
Giovani in cerca di lavoro

Cresce ancora ancora il numero dei disoccupati in Italia. Il tasso di disoccupazione nel primo mese del nuovo anno è infatti salito di di 0,2 punti percentuali rispetto a dicembre, portandosi così al 9,2%. A renderlo noto è l’Istat, aggiungendo un dato che già si sapeva: è il livello più alto dal 2004. Se si fa riferimento alle serie storiche trimestrali è il più dato alto dal primo trimestre 2001. Se invece si guarda il numero dei disoccupati, che salgono a 2,312 milioni (+2,8% su mese, +64mila persone), si torna praticamente ai livelli del 2000. Il numero dei disoccupati, aumenta di 64.000 unità rispetto a dicembre. Un dato che è universale, riguardando sia gli uomini che le donne. Cresce inoltre il già preoccupante dato riguardante i giovani. A gennaio il tasso di disoccupazione giovanile, coloro che sono nella fascia di età tra i 15 e i 24 anni, è al 31,1%, in rialzo di 0,1 punti percentuali rispetto a dicembre 2011 e di 2,6 punti su base annua.

Da notare che il tasso di disoccupazione giovanile ormai si colloca sopra quota 30% da ben 5 mesi, ovvero da settembre. Di fronte a dati simili, suona abbastanza lunare la discussione intorno all’articolo 18, cioè su come agevolare i licenziamenti, quando invece il tema centrale della riforma del mercato del lavoro dovrebbe riguardare il modo di creare posti di lavoro. Ma l’Italia, da questo punto di vista, continua ad essere una anomalia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche