Cresce la propensione a comprare case degli italiani

Economia

Cresce la propensione a comprare case degli italiani

Interno di una abitazione
Interno di una abitazione

Secondo una ricerca del Censis, entro la fine dell’anno l’IMU abbatterà il valore delle case per un valore oscillante tra il 20 e il 50%. Il tutto mentre il settore delle costruzioni, nel mese di febbraio ha avuto un vero proprio tracollo, con un meno 20,3% rispetto al 2012. Nonostante questi dati, una indagine di Immobiliare.it sulla fiducia dei consumatori nei primi tre mesi dell’anno, molti italiani sembra stiano ritrovando una propensione all’acquisto della casa che sembra in netta controtendenza. In base a questo indice, la quota di italiani propensi a compare salirebbe di quattro punti, attestandosi al 49% mentre scenderebbe al 69% la quota di chi ritiene non sia un buon momento per vendere. A spiegare il tutto è Carlo Giordano, amministratore delegato di Gruppo Immobiliare.it: “”Sei mesi di stallo della fiducia degli italiani, sono stati lo specchio della voglia di prudenza nei confronti della nostra vita, ancor prima del settore immobiliare; ma nell’ultimo semestre del 2011 il calo delle compravendite si è fermato, permettendo al mercato di riacquisire stabilità.

Il nostro indice di fiducia, oggi, conferma la ripresa di una progettualità delle famiglie italiane”. Questo dato rappresenta una sorpresa, anche se si tratta di una sorpresa abbastanza relativa considerata la voglia di mattone come bene rifugio che ormai da decenni distingue gli italiani. Inoltre, è sempre da considerare il fatto che stiamo parlando di indici riguardanti un atteggiamento e non di dati veri e propri. Resta insomma da vedere se la ripresa di fiducia si tramuterà in una solida ventata di affari per un settore, quello immobiliare, che è in crisi evidente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche