Crimini di guerra in Siria

Guide

Crimini di guerra in Siria

Genova, 11 settembre (Reuters) – I diritti umani dell’U.N. hanno stabilito che le forze siriane sono responsabili di due massacri avvenuti lo scorso maggio in cui circa 450 civili sono morti, secondo un comunicato pubblicato mercoledì.

Il comunicato riporta che ci sono stati molti omicidi di massa, attribuendoli alle forze governative siriane. I crimini commessi riguardano assassinio, ostaggio e bombardamento di civili per la battaglia al territorio.

A Baida, sono stati uccisi dai 150 ai 200 civili, comprese 30 donne, apparentemente giustiziate, che sono state trovate in una casa. Inoltre, i ribelli armati non erano attivi in quella particolare zona.
Almeno 100,000 persone sono state uccise e milioni si sono allontanate dalle loro case a causa del conflitto, che è iniziato a marzo 2011 contro il governo di Assad trasformandosi in guerra civile in cui la maggior parte dei ribelli musulmani di Sunni si sono contrapposti contro le forze di Assad, che sono sostenute da Shi’ite Muslim Iran e Hezbollah.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*