Crisi, la rabbia esplode anche il Slovenia: violenti scontri con la polizia COMMENTA  

Crisi, la rabbia esplode anche il Slovenia: violenti scontri con la polizia COMMENTA  

20121201-095423.jpg

Lubiana (Slovenia) – La crisi economica si fa sentire anche in Slovenia e la tensione sta salendo. Le prime avvisaglie ci sono state ieri con violenti scontri tra manifestanti e polizia.

Circa 10.000 persone sono scese in piazza per protestare contro la classe politica. I disordini sono scoppiati in prossimità del Parlamento sloveno. La polizia ha risposto con cariche e lacrimogeni.

In Piazza del Congresso, per la prima volta nella storia dello Stato Sloveno, sono stati impiegati anche i cannoni ad acqua. A Lubiana i feriti sarebbero 18.

Tra questi ci sono 11 agenti, un fotografo e un giornalista. Proteste ci sono state anche nelle città di Capodistria, Novem mestu, Novi gorici, Ajdovščini, Trbovljah e Velenju.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*