Cristina D’Avena: 10 sigle più belle dei cartoni animati COMMENTA  

Cristina D’Avena: 10 sigle più belle dei cartoni animati COMMENTA  

cristina-davena-occhi-di-gatto

Per anni l’unica voce delle sigle dei cartoni animati, Cristina D’Avena è una cantante cui si resta per forza affezionati. Ecco le 10 sigle più belle.


Classe 1964, Cristina D’Avena rappresenta una delle voci in assoluto più conosciute del panorama musicale italiano. E’ a lei che si devono infatti tutte o quasi le sigle dei cartoni animati che, in particolare fra gli anni Ottanta e Novanta, sono stati trasmessi dalla televisione italiana. Un timbro inconfondibile e uno stile perfetto sono diventati il marchio di fabbrica di un’interprete senz’altro a suo agio nell’ambito della canzone dedicata ai più giovani.


Una carriera ricca di successi a partire dai primi anni Ottanta

E proprio da giovanissima Cristina D’Avena ha iniziato la sua carriera, quando, a nemmeno quattro anni di età, partecipò alla decima edizione dello Zecchino d’Oro con “Il Valzer del Moscerino”. Da lì in poi una gavetta nel coro dell’Antoniano e, a partire dai primi anni Ottanta, il periodo del grande successo.


Alcune fra le più belle sigle dei cartoni animati cantate da Cristina D’Avena

Nel 1982 Cristina D’Avena cantò la Canzone dei Puffi, il cui singolo vendette mezzo milione di copie.

L'articolo prosegue subito dopo

Ma i successi furono davvero tanti e, complice la diffusione fra i componenti della prima generazione cresciuta con i cartoni animati, a loro modo indimenticabili. “Pollon”, la bimbetta che voleva diventare dea in un Olimpo di personaggi strampalati, al pallavolistico “Mila e Shiro”, da “E’ quasi magia Johnny” a “Sailor Moon”, idolo di tante bambine, dalla “Incantevole Creamy” al “cucciolotto verde senza età” di “Ti voglio bene Denver” fino al folto gruppo di “Kiss me Licia” (con tanto di prove da attrice in “Love me Licia”, “Licia dolce Licia”, “Teneramente Licia” e “Balliamo e cantiamo con Licia”) con cui Cristina D’Avena arrivò quasi alla fine degli anni Ottanta. Nel mezzo – pressoché impossibile da dimenticare – la sigla di “Occhi di gatto”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*