Crollano le vendite Fiat COMMENTA  

Crollano le vendite Fiat COMMENTA  

Sergio Marchionne
Sergio Marchionne

E’ una rotta senza fine, quella del mercato delle auto in Europa. Nel mese di marzo, si è verificata l’ennesima flessione, che stavolta è stata del 6,6%, immatricolando nei 27 Paesi Ue più quelli Efta 1.499.380 unità, contro le 1.605.835 che erano state registrate un anno fa. Il dato è stato comunicato dall’Acea, l’Associazione che riunisce le case costruttrici presenti in Europa. A parziale consolazione, ricordiamo che a febbraio il calo era stato del 9,2%. Nel trimestre le vendite di auto sono invece scese del 7,3% a 3.427.677 unità, contro i 3.696.919 dello stesso periodo del 2011.

Ancora una volta, terrificante il dato della Fiat. Fiat Group Automobiles ha infatti immatricolato in Europa (27 Paesi Ue + Efta) 81.469 nuove vetture, con un calo del 25,8% rispetto alle 109.831 vendute a marzo 2011. Il gruppo torinese è riuscito perciò a far peggio di febbraio, quando le vendite del Lingotto in Europa erano scese del 16,5%. Nel trimestre il gruppo torinese ha venduto in Europa 217.434 unità, in flessione del 20% rispetto alle 271.741 dello stesso periodo di un anno fa.

Per quanto concerne la quota di mercato della casa torinese, a marzo si è assottigliata al 5,4%, in calo dal 6,8% di un anno fa, scivolando così sotto quella di Bmw.

Ormai, Fiat è il settimo gruppo europeo dopo Volkswagen (con il 23,5% delle vendite), Psa Peugeot (11%), Ford (8,8%), Renault (7,5%), Gm (8,7%) e Bmw (6,2%).

L'articolo prosegue subito dopo

A febbraio la quota in Europa del Lingotto era 7,2%. Naturalmente, il gruppo ha precisato che la colpa è degli altri, specificando in particolare che il forte calo delle vendite “è condizionato dallo sciopero dei servizi di autotrasporto vetture in Italia che ha comportato la chiusura momentanea degli stabilimenti”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*