CROLLO DELLA PRODUZIONE ITALIANA COMMENTA  

CROLLO DELLA PRODUZIONE ITALIANA COMMENTA  

Come previsto dal governo, il 2012 inizia con un calo drastico della produzione industriale. Secondo le rilevazioni Istat la contrazione della produzione è più accentuata rispetto al dicembre 2009: nel mese di Gennaio si è raggiunto il – 2,5% ed è prevista una riduzione del 5% annuo.  Le aree più colpite sono: l’industria del legno e della carta  con il -16% , il manifatturiero e la fabbricazione di apparecchi elettronici in calo del 11%. I beni di consumo risentono di una caduta del 5,8% e anche l’energia con il -5,9%. Il settore in forte ripresa è l’high tech e la fabbricazione di computer,  la produzione di apparecchi ottici e orologi, registrando un incremento del 2,3%. Confidustria conferma i dati e prevede un peggioramento per il mese di febbraio con il -1%.

 

Stefania Ditta

Leggi anche

1 Commento su CROLLO DELLA PRODUZIONE ITALIANA

  1. L’articolo è preciso, la lettura  è scorrevole, i dati sono riportati esattamente, e rispecchiano la situazione del momento, come pubblicizzato dagli Istituti di statistica, in particolare l’Istat. L’esposizione è completa e chiara, e denota una ottima conoscenza della grave situazione  economica in cui versa il nostro Paese.

    Salvatore GARZIANO

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*