Crollo palazzina a Roma, nessun ferito. Virginia Raggi: ‘Accerteremo responsabilità’ COMMENTA  

Crollo palazzina a Roma, nessun ferito. Virginia Raggi: ‘Accerteremo responsabilità’ COMMENTA  

crollo-palazzina Roma

Ancora un crollo palazzina a Roma, ma questa volta non si sono registrati vittime e feriti. Il sindaco Raggi è intervenuta sul posto.

Si è sfiorato il dramma per un crollo palazzina a Roma. Un edificio di 4 piani sito in Via della Farnesina, presso Ponte Milvio, si è accartocciato su se stesso a causa, secondo le prime indiscrezioni trapelate, di infiltrazioni d’acqua che ne avrebbero compromesso le fondamenta.


Al momento non si segnalano né vittime né feriti anche perchè lo stabile era già stato evacuato venerdi sera dai Vigili del Fuoco proprio per la fatiscenza della struttura portante. Le forze dell’ordine hanno proceduto all’evacuazione di 110 le persone mentre si stima che siano almeno una quarantina gli appartamenti andati in fratumi.


Dopo il disastro si è registrata la levata di scudi dei residenti che lamentano il comportamento delle istituzioni: “Ci avevano detto di restare”. Intanto la Procura capitolina ha avviato le indagini per accertare le responsabilità del crollo palazzina a Roma.

L’Acea, la società gestisce la rete idrica romana, ha reso noto di essere intervenuta ieri sera successivamente alla chiamata dei pompieri. Lo stesse ente ha proceduto a verificare l’integrità delle condotte idriche adiacenti alla palazzina crollata.

L'articolo prosegue subito dopo


In queste ore si sta provvedendo a trovare una adeguata sistemazione agli sfollati. Sul luogo è intervenuta tempestivamente il sindaco Virginia Raggi che non si è voluta sbilanciare sulla causa del crollo palazzina a Roma ma ha promesso che verrà fatta chiarezza e che si interverrà subito per trovare una sistemazione per le famiglie rimaste senza alloggio: ‘Non lasceremo sole le famiglie senza casa’. La Raggi, a causa del disastro, ha rinviato la partecipazione alla manifestazione organizzata dal M5S a Palermo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*