Cronache di viaggio: La via della seta - Notizie.it

Cronache di viaggio: La via della seta

Guide

Cronache di viaggio: La via della seta

La via della seta può portare alla mente immagini romantiche di carovane che attraversano pianure e deserti portando sale, spezie e sete dalla Cina. Ricordate le avventure di Marco Polo da Venezia alla corte del gran Khan? In realtà ci sono due vie della seta e non una sola. Una che passa a nord, in mezzo all’Arabia, verso la Cina. L’altra è più a sud e arriva all’ estremo sud della Cina, attraversando il Myanmar e l’India.

é stata la via più a sud che mi ha attratta, così senza pensarci molto, sono partita dalla provincia dello Yunnan. Prima di tutto ho preso un bus per arrivare nella bella cittadina di Dali e ho passato molte giornate in relax camminando per le strade e bevendo caffè nei numerosi locali della città vecchia. Ogni anno intorno a marzo c’è allestito un grande mercato che si ripete fin dai tempi più antichi.

Qui puoi trovare cavalli e muli tibetani, usati per trasportare prodotti sulla via della seta. Un altro importante prodotto che qui si trova è la giada, prelevata dalle miniere di sale dello Yunlong e venduta praticamente ovunque.

Da Dali mi sono diretta verso nord fino a raggiungere Jianchuan, un piccolo villaggio sul tragitto per arrivare a Lijang. Jinchuan ha poco da offrire, anche se il governo ha investito molto nel rinnovamento e restaurazione della vecchia cittadina, attrae davvero poco turismo. A un’ora e mezza di distanza da Jianchuan si trova Shaxi, assolutamente un luogo da visitare. Qui si trovano monumenti storici di grande importanza ma è anche uno dei 10 luoghi più a rischio del pianeta, negli ultimi anni ha ricevuto fondi dalla Svizzera per questo. Shaxi è stata una città importante nel passato, si facevano cerimonie del tè ed era una tappa importante per le carovane in viaggio da lungo tempo attraversando il Tibet e Kunming.

Vicino a Shaxi ci sono solo piccoli villaggi dove ti sembrerà che il tempo si sia come per magia fermato.

Potrai vedere muli portare prodotti, sacchi di sabbia e ceste, proprio come un secolo fa.

Ho lasciato Shaxi per ritornare a Kunming, pensando che se avessi avuto solo più tempo mi sarebbe piaciuto continuare il viaggio verso sud, alla ricerca della via della seta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*