Cuneo-Nizza, insediato in Provincia il tavolo per il rilancio della linea ferroviaria internazionale

Politica

Cuneo-Nizza, insediato in Provincia il tavolo per il rilancio della linea ferroviaria internazionale

Cuneo – Si è insediato in Provincia il tavolo di lavoro per il rilancio della linea ferroviaria internazionale Torino-Cuneo-Nizza. Alla prima riunione, svoltasi mercoledì 26 giugno, hanno partecipato per la Provincia di Cuneo la presidente Gianna Gancia, il consigliere Piermario Giordano, oltre ad Andrea Levico, autore del libro “Vermenagna e Roya. Le valli delle meraviglie”. Presenti anche per la Regione Piemonte Viorel Vigna in rappresentanza dell’assessore ai Trasporti Barbara Bonino ed i consiglieri regionali Tullio Ponso e Fabrizio Biolè, per la Regione Liguria il consigliere Sergio Scibilia, l’assessore Gabriella Roseo del Comune di Cuneo, i sindaci di Valdieri Emanuel Parracone e di Limone Piemonte Franco Revelli, oltre ad esponenti di Provincia di Imperia, Camere di Commercio di Cuneo e Imperia, Atl Cuneo, Fai, Trenitalia, Parco Alpi Marittime ed esponenti di Forum mobilità, Comitato ferroviario locale di Cuneo, Creative riviera ed Amis du Rail Côte Azur.
La costituzione del tavolo fa seguito al convegno di sabato 8 giugno, finalizzato alla presentazione a sindaci, amministratori e cittadini di un progetto concreto per la sistemazione e messa in sicurezza della linea (270 milioni di euro in 10 anni), così da sfruttare le potenzialità dell’infrastruttura ricostruita nel secondo Dopoguerra e re-inaugurata nel 1979.
“Cercheremo – hanno dichiarato la presidente Gancia e il consigliere Giordano – di lavorare in modo concreto e costruttivo, privilegiando la formulazione delle proposte alle proteste: si tratta di un nuovo modo di fare politica che punta a superare divisioni e differenze ideologiche.

Il tavolo di lavoro si è svolto in modo sereno e costruttivo e verrà aggiornato di mese in mese tramite la raccolta di proposte ed indicazioni provenienti dal territorio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche