Wendigo: il Signore del Male per gli indiani d'America

Wendigo: il Signore del Male per gli indiani d’America

Cultura

Wendigo: il Signore del Male per gli indiani d’America

Wendigo

La cultura dei nativi americani è ricca di leggende e superstizioni molte volte nate per combattere la fame e per sopravvivere. E' questo il caso dei Wendigo mostri dalle sembianze umane che si nutrono di uomini nei boschi del nord America.

Wendigo rappresenta il signore del male per la tradizione degli indiani d’America. E’ rappresentato come una figura mostruosa che si nutre di uomini. Seconda la leggenda l’Wendigo ha origine durante le notti fredde senza cibo a cui ha dovuto sottostare quello che un tempo era una persona, un cacciatore o un indiano pellerossa.

Aspetto e poteri del Wendigo

La leggenda vuole che il Wendigo sia un essere molto alto, oltre i 2 metri, con un corpo scheletrico, denti affilati e grandi artigli. A seconda delle tribù l’aspetto cambia. Per alcuni si narra che sia un incrocio tra un uomo e un animale, per altri ha assunto alcune caratteristiche vegetali come delle radici al posto dei piedi. E’ molto rapido nel muoversi, si racconta che arrivi a perdere i piedi a causa dell’attrito col terreno, per poi farne ricrescere di nuovi. Rincorre le sue prede umane finché non sono così esauste da perdere i piedi che vanno a fuoco e a quel punto le prende per portarle nella sua tana per divorarle.

E’ considerato un cacciatore perfetto, grande conoscitore delle zone dei boschi dove risiede, capace di parlare la lingua degli uomini e degli animali per attrarli a sé.

Secondo alcuni sciamani i poteri del Wendigo sono sovrannaturali, sembra sia capace di praticare la magia nera riuscendo a modificare il tempo per muoversi più velocemente. Mangiando carne umana acquista forza, resistenza e velocità ed è per questo che ne è ghiotto e in continua ricerca.

Una leggenda che viene dal freddo e dalla fame

La leggenda dell’esistenza dei Wendigo nasce nei boschi del Nord America e del Canada tra i nativi americani, nella sofferenza degli inverni gelati. In queste zone le temperature possono arrivare per lungo tempo sotto lo zero, la neve coprire tutta la vegetazione e la possibilità di procacciarsi del cibo è molto remota. In questa situazione le tribù hanno sofferto la fame, la solitudine e per superare la paura della morte hanno dato vita a delle leggende e superstizioni utili a sopravvivere.

La credenza del Wendigo nasce da questa disperazione ed è una risposta ai casi di cannibalismo che andavano diffondendosi a causa della fame.

Le persone, distrutte dalla fame, arrivavano al punto di mangiarsi l’un l’altro per sopravvivere. Per fermare questo fenomeno alcune tribù inventarono la leggenda dell’esistenza dei Wendigo, degli uomini trasformati in mostri cannibali dopo aver mangiato un altro uomo. Si ipotizza, quindi, che l’invenzione di questa leggenda abbia avuto un effetto deterrente per combattere la scarsità alimentare durante gli inverni rigidi e nevosi. Si narra, anche, che i Wendigo si nutrano di muschi non commestibili dall’uomo come metafora della malnutrizione a cui erano costretti i nativi.

Altre volte è capitato che il quieto vivere di una comunità fosse rotto da un evento o da qualcuno che infrange le regole ed è da qui che può nascere il mostro. Il Wendigo attraversa gli incubi dei nativi americani terrorizzati dalla possibilità del cannibalismo. L’immagine di questi mostri viene per dimostrare che il cannibalismo è un orribile tabù che va respinto dalle comunità.

La leggenda diventa realtà: la caccia dei Wendigo

Succede che a furia di credere nelle leggende si finisce per farle avverare.

E’ il caso della tribù dei Cree che credevano così fermamente nell’esistenza dei mostri che assunsero delle persone con lo scopo di dar loro la caccia. Il cacciatore di mostri, l’indiano Cree Jack Fiddler, al momento del suo arresto ammise di aver ucciso nel corso della sua vita 14 Wendigo. Fu arrestato, insieme al figlio, a seguito dell’omicidio di una donna che secondo lui stava per trasformarsi in Wendigo ed andava eliminata.

Un altro caso conosciuto di tramutazione nella realtà della leggenda dei Wendigo è quello di Swift Runner, un indiano dell’Alberta. Lontano 40 km dal centro abitato, bloccato nei boschi insieme alla sua famiglia durante una tempesta di neve, Swift Runner per non morire di fame decise di uccidere sua moglie e i suoi figli e macellarli per mangiarli. Da allora la sua fame di esseri umani non ha trovato pace, continuando a praticare il cannibalismo fino alla morte.

I Wendigo nella cultura di massa

La figura mostruosa dei Wendigo è stata utilizzata in numerosi film, fumetti, cartoni animati e videogiochi.

Nel 2001, Larry Fessenden realizza un film horror basato sulla leggenda dei Wendigo. Ambientato in una piccola cittadina del Nord America la famiglia protagonista si trova costretta a subire una serie di disgrazie causate dalla credenza nel mito dei Wendigo, molto diffuso tra i nativi della zona.

La casa editrice Marvel Comics ha realizzato un personaggio chiamato Wendigo, protagonista di alcune storie a fumetti che ritraggono il mostro dalle sembianze umane molto simile a come vogliono le leggende.

Anche in alcuni videogiochi per PlayStation compare la figura dei Wendigo. Ad esempio nel videogioco Until Dawn, i Wendigo sono i nemici principali da abbattere. Nel videogioco Juuouki – Project Altered Beast la figura del Wendigo è quella in cui si trasforma il protagonista.

Curiosità sugli indiani d’America

Per conoscere meglio il popolo dei nativi americani, molti libri ne illustrano la cultura,la storia e le credenze che aiutano a comprendere come questo popolo sia sopravvissuto ai problemi e alle difficoltà.

Il seguente libro contiene un’analisi della filosofia di vita dei nativi americani che parte dai riti fino al rapporto con la natura per spiegarne il pensiero e come esso si sia evoluto nel tempo.

Con riferimenti al loro pensiero e alla loro religione ricchi di saggezza e spirito, gli indiani d’America hanno saputo sopravvivere in terre ostili e si sono dimostrati in grado di perpetrare gli usi e i costumi per molti anni.

Una raccolta di riti sacri, usanze e simboli degli indiani descritta in un volume per comprendere meglio il popolo dei nativi americani e avvicinarsi alla loro cultura. Ricco di immagini, riferimenti e approfondimenti, il libro contiene molti riferimenti alla religione di questo popolo grazie a testimonianze dirette.

Per capire come i nativi americani si siano evoluti nel tempo mantenendo la loro cultura fino al confronto con l’uomo bianco, Storia degli indiani d’America racconta le vicende storiche che hanno coinvolto questo popolo, dalle deportazioni alle riforme. Un libro che mostra, dal lato umano, la storia di un popolo che si è trovato a fronteggiare una attacco inaspettato e che ha portato alla sua conclusione.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche