Da Ankara è sospensione della convenzione dei diritti umani COMMENTA  

Da Ankara è sospensione della convenzione dei diritti umani COMMENTA  

convenzione europea dei diritti dell'uomo
convenzione europea dei diritti dell'uomo

Turchia: Ad Ankara si sospende la convenzione europea sui diritti dell’uomo

I fatti accaduti nella notte tra il 15 e il 16 Luglio stanno portando a delle innumerevoli conseguenze a catena. In Turchia stanno succedendo molte cose, vediamo di fare un pò il punto della situazione riguardo questo paese che si trova a dover prendere decisioni drastiche e avventate dopo gli eventi che l’hanno vista protagonista nella scorsa settimana.

Leggi anche: Turchia, amnistia per 38 mila detenuti


Dopo il fallito tentativo del golpe durante la notte del 15 Luglio, la Turchia ha dovuto prendere delle precauzioni, delle drastiche decisioni. Il presidente Recep Tayyip Erdoğan ieri sera ha dichiarato 3 mesi di stato di emergenza, lui stesso lo ha definito indispensabile al fine di consentire alle autorità di agire in modo rapido ed efficace per prendere provvedimenti riguardo le persone che hanno complottato e preso parte al colpo di stato contro lo stato turco.

Leggi anche: Gli Usa dietro il tentativo di colpo di stato in Turchia


Lo stato di emergenza è quindi entrato in vigore oggi 21 Luglio 2016 anche se è stato dichiarato oggi che vogliono chiuderlo il più presto possibile, sperano in un mese e mezzo.  L’annuncio più svonvolgente arriva sempre dal vice primo ministro della capitale, Numan Kurtulmus il quale ha dichiarato che la Convenzione europea dei diritti dell’uomo è sospesa durante lo stato di emergenza, questo è quello che ha detto ai giornalisti.


Il ministro della Giustizia Bekir Bozdag ha rassicurato il paese e i ministri degli esteri UE dicendo che la Turchia non richiederà la riammissione della legge marziale. Notizia di cui da giorni si sentiva parlare e che spaventava l’opinione pubblica generale.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo
Attualità

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo

Una giovane studentessa è stata violentemente  picchiata dalla madre perché non portava il velo .   Accadeva a Udine: la ragazza è stata subito allontanata dai Servizi sociali del Comune e collocata in una struttura protetta, sicura attacchi di ira violenta come quello appena subito. La giovane era stata picchiata dalla mamma  solo non aveva messo il velo islamico, giovane che temeva anche la reazione del padre.  La studentessa era infatti stata  sorpresa dalla madre a scuola, mentre era  senza velo. Una ragazzina di origini nordafricane, una brava studentessa in un istituto superiore di Udine, che è stata allontanata d'urgenza dalla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*