Dal Ncd ad AP, la nuova proposta politica di Alfano

News

Dal Ncd ad AP, la nuova proposta politica di Alfano

ncd ap alfano

Angelino Alfano decreta la fine di Nuovo Centro Destra e l’inizio del nuovo progetto politico: Alternativa Popolare, per ‘liberali e moderati’.

Finisce il Nuovo Centro Destra e inizia Alternativa Popolare. L’Assemblea Nazionale Ncd ha votato sancendo la fine della formazione politica in favore di un nuovo soggetto chiamato Alternativa Popolare. A parlare, a Roma, è stato soprattutto il leader e attuale ministro degli Esteri Angelino Alfano: “noi siamo alternativi ai lepenisti, alla sinistra dell’indietro tutto, a chi ha in mente solo la ruspa, a chi dice no a chi non ha cura della Repubblica”.

Un annuncio che rappresenta di fatto la collocazione politica di Alternativa Popolare, la nuova formazione politica che si rivolge soprattutto “ai liberali e moderati”, con un simbolo costituito da un cuore giallo in campo blu e la scritta con il nome del partito. Lo slogan è “il coraggio di costruire insieme”.

“Noi”, ha spiegato Alfano, “siamo il movimento politico che in Italia difende l’Europa”, ma “difenderemo l’Italia e gli italiani”, perché una eventuale uscita dall’Unione Europea sarebbe “un pessimo affare per l’Italia e per gli italiani”.

Per questo “viviamo nell’emisfero di chi l’Europa la vuole cambiare” favorendo “l’incontro” fra chi “ha gli stessi ideali pur trovandosi oggi in posizioni diverse”, “senza voler guidare la creatura finale”. “Il metodo che noi proponiamo”, ha proseguito il leader di AP, “è uniamoci e poi sia il popolo con delle primarie a scegliere il leader di un raggruppamento liberal popolare”. Si tratta di un “metodo democratico” che AP intende proporre “non solo per il leader ma anche per i parlamentari”.

“Andiamo avanti da soli”, è l’idea di Angelino Alfano, che si è detto sicuro che “saranno gli altri a cercarsi perché non avranno i numeri per governare e noi diremo questo è il nostro programma oppure la maggioranza ve la cercate con i radicali”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche