D’Alema dichiara guerra a Renzi: se vince lui, resto COMMENTA  

D’Alema dichiara guerra a Renzi: se vince lui, resto COMMENTA  

20121018-092712.jpg

Massimo D’Alema, ospite ieri sera alla trasmissione “Otto e Mezzo” in onda su La7 si è dimostrato più conciliante con Bersani. Dopo le sue dichiarazioni nelle quali affermava che sulla sua ricandidatura la decisione spettava al partito e non al solo Bersani, ha detto che chiederà la deroga per ricandidarsi solo nel caso in cui Renzi si aggiudichi le primarie.

D’Alema, in caso di vittoria del sindaco di Firenze, non esita a parlare di scontro politico:

Renzi non è il rimedio ma è peggio del male perché è un elemento di divisione.

Il difetto del centrosinistra è stata la divisione

D’Alema attacca i metodi, giudicati aggressivi, di Renzi di portare avanti la sua campagna elettorale:

In generale nella vita politica, ma poi nello stesso partito, non è tollerabile questo modo di condurre la lotta politico.

Berlusconi venne a Gallipoli a dire ‘Mandiamo a casa D’Alema, rottamiamolo. Tornò a casa con le pive nel sacco. Mi dispiace che oggi le stesse parole vengano usate all’interno del mio partito

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*