Dall’Arte Bianca di Neive alla Maina per vedere come nascono le colombe COMMENTA  

Dall’Arte Bianca di Neive alla Maina per vedere come nascono le colombe COMMENTA  

Venerdì 1° marzo 2013 gli studenti delle classi V dell’Istituto Professionale Statale “Arte Bianca” di Neive accompagnati dai docenti hanno visitato lo stabilimento Maina a Fossano. I ragazzi hanno potuto così assistere alla produzione delle colombe pasquali secondo il tipico metodo utilizzato dall’azienda dolciaria, che prevede un lungo processo produttivo di oltre due giorni con il solo impiego di Lievito Madre naturale di pasta acida, a garanzia di maggiore sofficità, fragranza e digeribilità.

La visita ha visto alternarsi tre distinte fasi: si è partiti con un momento in aula durante il quale Ugo Di Gennaro, responsabile Marketing e Comunicazione di Maina, ha illustrato brevemente la storia del panettone e dell’azienda, in seguito Roberto Di Gennaro, responsabile Assicurazione Qualità dell’azienda, ha accompagnato gli studenti in un tour multisensoriale di profumi e sapori all’interno dello stabilimento e, infine, si è ritornati in aula per una degustazione dei prodotti attraverso l’utilizzo di tutti e cinque i sensi, per poter riconoscere in prima persona l’elevata qualità Maina.

“Anche quest’anno si è rinnovato un appuntamento fisso nel quale crediamo molto – dichiara Marco Brandani, amministratore delegato di Maina – perché permette, da un lato, agli studenti, futuri pasticceri o operatori dolciari, di conoscere da vicino come nascono i nostri prodotti e, dall’altro, di alimentare quelle sinergie positive tra la nostra azienda e il mondo formativo che sono necessarie per continuare a coniugare tradizione e innovazione nel lavoro di tutti i giorni e sui mercati”.

“Grazie a questa visita gli allievi che frequentano l’indirizzo industriale dolciario – afferma Maurizio Trinchero, direttore dell’istituto, sede associata dell’I.I.S.S. “P. Cillario Ferrero” di Alba – hanno potuto approfondire le conoscenze acquisite in aula in merito agli impianti industriali nel campo alimentare, alla loro automazione, nonché alle tematiche di controllo della qualità alimentare. Occasioni come questa, inoltre, permettono al nostro istituto di continuare ad operare in sinergia con una delle aziende alimentari più rappresentative del nostro territorio”.

L'articolo prosegue subito dopo

L’Istituto professionale statale per l’Arte Bianca di Neive, settore “Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera”, è una delle poche scuole statali italiane attive nella formazione di personale per il settore dolciario. Gli allievi, dopo 3 anni di corso, possono trovare collocazione nelle pasticcerie artigianali, mentre dopo 5 anni, oltre alle opportunità d’impiego, possono accedere all’università per approfondire l’indirizzo scelto.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*