Dalla Regione un ordine del giorno per destinare il 5 per mille ai lavoratori in difficoltà COMMENTA  

Dalla Regione un ordine del giorno per destinare il 5 per mille ai lavoratori in difficoltà COMMENTA  

regione

In Consiglio regionale passa un ordine del giorno della Lega che chiede di destinare il 5 per mille dell’Irpef ai lavoratori in difficoltà, incrementando il fondo regionale straordinario per chi resta senza lavoro.

Leggi anche: Lutto per la moda italiana: si è spenta Krizia

“L’ordine del giorno – spiega la rappresentante della Lega Nord Luciana Ruffinelli – impegna la Giunta ad attivarsi presso il Governo affinché venga data la possibilità ai contribuenti di vincolare la quota del 5 per mille ad azioni di solidarietà per tamponare gli effetti della crisi ed aiutare i lavoratori in difficoltà.”

“Ogni giorno – continua la consigliere Ruffinelli – si allunga il bollettino delle aziende costrette a chiudere o a ridimensionarsi: solo per quanto riguarda la provincia di Varese si è dovuta registrare nell’ultimo anno la perdita di 16 mila posti di lavoro.

Leggi anche: Si apre la stagione alla Scala di Milano, tra tensioni e unità antisommossa

Nonostante il sistema Lombardia abbia retto meglio di altri, il tasso di disoccupazione regionale è cresciuto in 3 anni dal 3,4% al 5,6%.

E’ necessario quindi limitare fortemente l’impatto sociale causato dalla crisi economica.” “Non è nostra intenzione – conclude Luciana Ruffinelli – togliere in alcun modo risorse al mondo del volontariato, ma far leva piuttosto su una quota importante del 5 per mille sul quale manca la scelta di destinazione.”

Leggi anche

arresto-a-milano
Milano

Operazione anti spaccio a Milano: il video dell’arresto sui Navigli

Scene da film tra le vie di Milano con un triplice arresto in 'diretta' documentato dalle telecamere. Accade sui Navigli dove gli agenti della polizia in borghese hanno pedinato, filmato e arrestato tre persone. L'arresto è avvenuto in via Gola, epilogo di un'operazione della locale diretta dal vice comandante Paolo Ghirardi che ha portato al fermo di un 32enne italiano, R.F., di un tunisino 47enne, M.M. e di un egiziano di 48 anni, O.E.S. I tre sono stati a lungo seguiti ed osservati mentre spacciavano alla luce del sole per le vie di Milano ed una volta raccolto materiale video Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*