Daniela Poggi in “Io madre di mia madre” COMMENTA  

Daniela Poggi in “Io madre di mia madre” COMMENTA  

Una telefonata. Il dramma dei ricordi che non ci sono più e del gioco delle parti su cui si costruisce lo spettacolo quasi autobiografico di Daniela Poggi, Io madre di mia madre, in scena al Cardinal Massaia di Torino domenica 10 febbraio 2013 alle ore 16.
Una madre che è madre, prima; figlia di sua figlia, poi. Una sorta di ritorno alle origini, uno scambio di ruoli spesso tanto naturale da passare inosservato. I ricordi, tra passato e presente, sono accompagnati dalle note del pianoforte e del violoncello di Giovanna Famulari e la chitarra di
Massimo De Lorenzi. Le musiche sono  quelle di Bach, Satie, Puccini, Vivaldi, Debussy e pezzi composti da Massimo de Lorenzi. A Giovanna Famulari anche il compito di intonare alcuni brani come Autum leave e l’Ave Maria di Caccini. Lo spettacolo di Daniela Poggi, che si chiude tra le note di una dolcissima ninna nanna è, però, più di tutto un inno alla vita, all’amore. L’amore e la dedizione di una figlia per la madre che chiude per poi riaprire il ciclo di vita in un continuo alternarsi di ruoli che ci vede madri, poi figlie poi…madri delle nostre madri.
Recital da Tahar Ben Jelloun e Simone de Beauvoir. Con Giovanna Famulari (violoncello, pianoforte) e Massimo de Lorenzi (chitarra).
Lo spettacolo è evento collaterale alla rassegna “Mi Illumini d”’Immenso” realizzata dal Teatro Cardinal Massaia in collaborazione con i Frati
Cappuccini e viene proposto in occasione della Giornata mondiale del Malato.
Intero 18 euro, ridotto 15 euro (+1 euro di prevendita). Anche in Abbonamento Dieciperté.
Informazioni, prenotazioni e prevendite presso la biglietteria del teatro in via Sospello 32 (aperta al pubblico dal martedì al giovedì dalle 16 alle 19, venerdì e sabato dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19), all’indirizzo mail prenotazioni@teatromassaia.it o al numero 011.257881
(in orario di biglietteria). Biglietti in vendita online sul sito www.teatromassaia.it.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*