Daniele Piervincenzi racconta l'aggressione di Spada: 'Nessuno ci ha aiutati'
Daniele Piervincenzi racconta l’aggressione di Spada: ‘Nessuno ci ha aiutato’
Prima Pagina

Daniele Piervincenzi racconta l’aggressione di Spada: ‘Nessuno ci ha aiutato’

daniele piervincenzi

Il reporter Rai Daniele Piervincenzi ha raccontato meglio l'aggressione subita da Roberto Spada ad Ostia, sottolineando che nessuno degli abitanti presenti al fattaccio ha fatto qualcosa per aiutarli, anzi molti hanno sostenuto l'operato dell'aggressore.

Daniele Piervincenzi, reporter Rai che è stato aggredito da Roberto Spada durante l’intervista sulle elezioni Ostia, ha raccontato meglio il fattaccio. Quello che ne esce fuori, è uno scenario molto preoccupante. Daniele Piervincenzi racconta infatti che, durante l’aggressione, i presenti non solo non hanno fatto nulla per fermarla, ma gli hanno anche gridato contro, sostenendo l’operato violento di Roberto Spada.

Daniele Piervincenzi Ostia

Intervistato da Radio 24, il giornalista Daniele Piervincenzi ha descritto meglio il grave episodio tra lui e Roberto Spada, fratello del boss Carmine Spada e individuo vicino a CasaPound. La vittima ha raccontato che quello di Nuova Ostia, nello specifico di piazza Gasparri, è un mondo molto particolare. Daniele Piervincenzi ha lavorato su la Sicilia, la Calabria, la Campania, ma “lì, in qualche modo, te lo aspetti”. Invece a Ostia, a soli venti minuti da Roma, superata la pineta e Casal Palocco, c’è Nuova Ostia, che è un mondo a parte, secondo lo sfortunato giornalista.

Daniele Piervincenzi ha descritto bene lo scenario: “Tutte le saracinesche degli esercizi commerciali sono chiuse . Quella parte di Ostia è completamente abbandonata ma gli abitanti ci sono, sembrano degli spettri che si nascondono nelle loro case”.

Dopo l’aggressione di Roberto Spada, il reporter Rai ha notato gli abitanti di Ostia affacciati dai balconi, che si ‘gustavano’ la scena. L’intera squadra giornalistica ha chiesto loro aiuto, ma queste persone hanno risposto così: “Ti sta bene, non tornare più a piazza Gasparri”.

daniele piervincenzi

Daniele Piervincenzi Roberto Spada

Daniele Piervincenzi ha poi raccontato meglio il ‘dialogo’ con Roberto Spada. Ha dichiarato che lui ed i suoi colleghi si sono posti come ci si porre di fronte a un incensurato. “Le mie domande a Roberto Spada non sono mai state sul clan, di cui fa parte il fratello e di cui si dice che il fratello sia il boss”. Le domande di Daniele Piervincenzi erano infatti ‘soltanto’ politiche, che lo stesso inviato Rai definisce ora come “banali”. Il reporter chiedeva una spiegazione, da parte di Roberto Spada, sul fatto che CasaPound, in quella particolare zona, Nuova Ostia, un quartiere caratterizzato anche da multietnicità, ha preso il 18%. Invece, su tutto il territorio del X Municipio, i risultati arrivano solo al 9%. Forse, ipotizza il giornalista, è stata questa domanda a far imbufalire Roberto Spada.

Roberto Spada

la Direzione distrettuale antimafia di Roma, nel frattempo, attraverso i pm Giovanni Musarò e Ilaria Calò, ha inoltrato stamattina, all’ufficio dei gip, la richiesta di convalida del fermo, con contestuale emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, verso Roberto Spada.

L’aggressore è stato fermato ieri dai carabinieri, ed è indagato per i reati di lesioni personali e violenza privata. Inoltre, vi è pure l’aggravante del metodo mafioso e dei futili motivi. L’interrogatorio di convalida dovrebbe tenersi domani mattina a Regina Coeli, con la presenza del gip Anna Maria Fattori. Sono ancora in corso le ricerche del complice di Roberto Spada che ha preso parte al pestaggio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche