Danimarca: torna il centrodestra, con l’aiuto dei nazionalisti COMMENTA  

TV di NOTIZIE.IT

Danimarca: torna il centrodestra, con l’aiuto dei nazionalisti COMMENTA  

Le elezioni in Danimarca si chiudono con il ritorno del centrodestra.

Il partito dell’ex premier Lars Lokke Rasmussen conquista la maggioranza dei seggi in parlamento (90 su 179), ma la situazione, adesso, è più complicata di quanto ci si possa aspettare. Al centrosinistra del primo ministro uscente Helle Thorning-Schmidt sono andati infatti 85 seggi quindi potrebbe profilarsi l’ipotesi di un governo di larghe intese.


Dagli sconfitti arrivano messaggi distensivi, specie da parte della Thorning-Schmidt, che si è detta “convinta che Loekke ami il nostro Paese e dovrebbe essere felice di ereditare una Danimarca in gran forma”, a creare un clima post elettorale ben diverso da quello che si potrebbe trovare altrove, visto che in Danimarca gli sconfitti augurano ai vincitori di ben governare chiamandoli per nome.


Il tema principale che parlamento e popolo danesi dovranno affrontare d’ora in avanti è però di quelli che possono produrre vere e proprie lacerazioni, perché si tratta della questione relativa all’immigrazione.


La vittoria di Rasmussen è arrivata infatti grazie all’appoggio (fondamentale, perché il centro sinistra è ancora il primo partito con una percentuale del 26.3% dei voti) del Partito del Popolo Danese, il cui cavallo di battaglia elettorale è stato quella della totale chiusura delle frontiere, in contrapposizione con le aperture che aveva invece lasciato intravedere la Thorning-Schmidt.

L'articolo prosegue subito dopo


Al momento, la Danimarca gode, con Gran Bretagna e Irlanda, della possibilità di esimersi dall’obbligo di accogliere immigrati nell’ambito delle operazioni di ricollocamento a livello europeo.

Leggi anche

1 Trackback & Pingback

  1. Danimarca: torna il centrodestra, con l’aiuto dei nazionalisti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*