Danni da gelo: tavolo in Regione Piemonte convocato da Claudio Sacchetto

Attualità

Danni da gelo: tavolo in Regione Piemonte convocato da Claudio Sacchetto

Si è svolto il 16 febbraio 2012, presso l’Assessorato Regionale all’Agricoltura del Piemonte, un tavolo con le organizzazioni agricole e le organizzazioni dei produttori convocato dall’Assessore Regionale Claudio Sacchetto per condividere ed individuare le strategie da adottare per ottenere lo stato di calamità naturale dal Governo a seguito delle gelate delle settimane scorse, conseguenti alle basse temperature che rischiano di compromettere le produzioni ortofrutticole, in particolare kiwi, albicocche e pesche, non solo per l’anno in corso, ma anche per le stagioni successive.
Il tavolo segue l’inizio del percorso avviato già la settimana scorsa dall’Assessorato che aveva inviato una lettera a Province e Comunità montane sollecitando la raccolta di segnalazioni da parte dei comuni per meglio consentire una rapida delimitazione delle aree interessate dal danno.
Nel corso della riunione è stato concordato di attivare due percorsi: uno regionale, l’altro nazionale.
La Regione si è impegnata ad attivarsi presso gli istituti bancari operanti in Piemonte per sensibilizzarli verso una moratoria dei mutui accesi dalle imprese, per un rifinanziamento della misura estirpo actinidia e per l’attivazione di un credito di conduzione specifico per le aziende colpite nell’ambito del Piano Verde 2012.

Inoltre si provvederà a valutare la possibilità di derogare ai regolamenti in materia di Psr, nello specifico per le misure 214 e 121, laddove si renda necessario, per accelerare le erogazioni ed evitare il rischio del venir meno dei requisiti di ammissibilità.
In ambito nazionale la Regione produrrà, all’inizio della prossima settimana, specifica richiesta alla Commissione Politiche Agricole (il tavolo presso il quale gli Assessori Regionali all’Agricoltura si riuniscono a Roma) di inserire all’ordine del giorno della prima seduta utile la questione, proponendo delle azioni di merito che vanno dalla richiesta di indennizzi, allo sgravio contributivo e fiscale per almeno 2 anni (inps e imu su tutti), la richiesta di cassa integrazione per i dipendenti fissi, la richiesta di deroga sul regolamento ocm ortofrutta per poter, stante la situazione molto particolare, attivare le risorse in maniera più flessibile. Infine la richiesta di attivazione di specifiche misure da parte di Ismea per l’accensione di mutui pluriennali a vantaggio delle imprese interessate.
L’Assessore Regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto ha dichiarato: “Fin dal verificarsi degli eventi calamitosi la Regione si è immediatamente attivata: inoltrando una lettera a Province e Comunità Montane e, inoltre, convocando un tavolo operativo nel corso del quale sono emerse proposte di buonsenso: credo tali istanze possano essere prese in considerazione e soddisfatte dal Goveno nazionale, anche perchè mi pare oggettivo il fatto che quello appena vissuto sia stato un evento straordinario che va al di là di qualunque previsione e rischio d’impresa.

Fin dalla prossima settimana chiederemo che la questione venga posta all’attenzione della Commissione Politiche Agricole e del Ministero, certi di poter trovare un interlocutore attento alle proposte e solerte nelle risposte”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche