Davide Van De Sfroos, il dialetto laghèe arriva al Datchforum di AssagoCOMMENTA

Si sta avvicinando sempre di più l’evento del concerto di Davide Van De Sfroos al Datchfroum di Assago il 19 aprile 2008.
I biglietti già venduti sono già migliaia e si preannuncia uno spettacolo pieno di adrenalina. Sì, perchè Davide Van De Sfroos è un caso unico nel panorama della musica italiana.
Unisce incredibilmente e in un modo davvero eccezionale il genere folk, blues, indie, reggae, rock, metal creando una musica straordinaria, anche grazie all’altissimo livello dei musicisti di cui è solito circondarsi.
Da un pò di tempo, le sonorità di Davide sono apprezzate non solo in Lombardia, ma anche in altre regioni d’Italia ed anche in diversi stati stranieri ha riscosso un grande successo.
Un’altra grande particolarità dei brani di Davide sono i testi, non c’è mai banalità nelle sue parole, lui racconta di storie vere, di vita vissuta, di esperienze e personaggi.

I suoi testi sono una continua scoperta, ogni volta che si ascolta una canzone, si possono catturare piccoli particolari o sfumature di cui la volta prima non si è fatto caso. Si potrebbero ascoltare per ore le canzoni di Davide Van De Sfroossenza annoiarsi o sentire il bisogno di cambiare cd in quanto dentro lì si trova davvero tutto.
Importante: lui canta in dialetto. In dialetto laghèe ovvero quello parlato nei pressi del Lago di Como, fantastico luogo dove Davide è cresciuto. Chi sa il milanese, capirà la maggior parte delle parole, anche se è una parlata un po’ più “da magüt” e “pescadür”.
Tutta la sua discografia è caratterizzata da questa sua speciale vocazione ad essere, oltre che ad un ottimo musicista, un eccellente poeta.

Leggi anche: Giovanni Cagliero, il “musicista di Don Bosco”, Venerdì 16 aprile, alle 21 presso la Chiesa Conventuale San Domenico

In realtà lui ha al suo attivo 4 interessantissime pubblicazioni, alcune interagiscono con i suoi lavori discografici, creando intriganti e sottili richiami.

L’ultimo album, Pica, uscito lo scorso febbraio, ha riscosso da subito tantissimi consensi posizionandosi ai primi posti delle classifiche italiane.

Il suo nuovo lavoro è una riconferma. Riesce a far emozionare e a far rivivere ad occhi aperti le storie che racconta nelle canzoni e questo è un dono rarissimo che pochissimi artisti hanno.
I concerti di Davide sono caratterizzati, ogni volta, da una grande carica di adrenalina.

Leggi anche: Unica data italiana dei Gossip all’Estragon

Non c’è esibizione live uguale all’altra e i suoi concerti sono un misto di feste folk, dove si alternano momenti di grande allegria di quando si balla sottobraccio con boccali di birra in mano e momenti di riflessione, dove si sente il bisogno di ascoltare le sue intense parole cantando quasi sottovoce.

Leggi anche: L’estate sacrificata di Bologna

Segnala questo articolo su:Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.

Commenta per primo "Davide Van De Sfroos, il dialetto laghèe arriva al Datchforum di Assago"

Commenta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato

*