DdL Concorrenza approvato alla Camera: i punti principali COMMENTA  

DdL Concorrenza approvato alla Camera: i punti principali COMMENTA  

È stato approvato ieri alla Camera dei Deputati il nuovo testo del Disegno di Legge in tema di Concorrenza.

269 i voti favorevoli, 168 i contrari, 23 gli astenuti.


Superato il primo gradino della riconversione in legge, ora la discussione passerà all’aula del Senato, fermo restando il dichiarato obiettivo del governo di pervenire ad un provvedimento ufficiale entro la fine di quest’anno.


Il Disegno di Legge tratta di vari argomenti, dal settore assicurativo a quello delle comunicazioni a quell’energia a quello delle attività professionali.

Per quanto riguarda le assicurazioni, le compagnie dovranno prevedere degli sconti a tutti gli automobilisti che accettino di installare la scatola nera e i rilevatori automatici del tasso alcolemico. È stato confermato il criticato articolo che prevede l’obbligo di indicare i testimoni di un sinistro non oltre il momento della denuncia, ma nei soli casi di danne alle cose.


Le banche saranno tenute a presentare ai clienti, all’atto della sottoscrizione di contratti di finanziamento, almeno due preventivi di polizze accessorie a cura di compagnie non riconducibili a istituto di credito o intermediari finanziari.

L'articolo prosegue subito dopo


Sono state inserite specifiche procedure di semplificazione per favorire i cambi di operatore nei settori delle pay tv, della telefonia mobile e fissa e dei servizi internet (limiti sulla durata dei contratti con offerte promozionali, limiti alle penali, divieto di addebito di costi di terzi senza il consenso esplicito da parte del cliente).

Le Poste Italiane perderanno, dal giugno del prossimo anno, la riserva sulla spedizione di atti giudiziari e notifiche di sanzione.

Sul mercato energetico, il disegno di legge prevede l’eliminazione dei cosiddetti “prezzi di maggior tutela” per tutti i consumatori che non hanno scelto un fornitore nell’ambito del mercato libero.

Per quanto riguarda il settore delle farmacie, sarà eliminato il limite di titolarità di 4 licenze. I farmaci di fascia “C”, secondo previsioni, sarà possibile solo nelle farmacie.

Nel settore del turismo, sarà eliminato l’obbligo, da parte degli alberghi, di praticare i prezzi esposti tramite intermediari (come booking.com). Gli albergatori saranno quindi liberi di praticare sconti ai clienti secondo modalità e tempi decisi in totale autonomia.

Per quanto riguarda il settore delle professioni, saranno eliminati il divieto di pubblicità per i notai, l’obbligo del notai per la costituzione di società a responsabilità limitata con capitale entro i 20 mila euro, l’obbligo di appartenenza ad una sola associazione professionale per gli avvocati e il divieto di assumere commesse da privati per le società di ingegneria.

Non è più prevista, invece, la possibilità, per professionisti diversi dai notai, di sottoscrivere atti di transazione per immobili non ad uso residenziale entro i 100 mila euro.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*