De Pedis: nella tomba trovati altri resti COMMENTA  

De Pedis: nella tomba trovati altri resti COMMENTA  

Da tempo ci si era interessati al caso De Pedis : l’autorizzazione a seppellire un criminale all’interno della cripta della Basilica di Sant’Apollinare,( di proprietà dell’Opus Dei) dietro il nulla osta del vescoso, pareva celare disegni dalle tinte fosche, in cui si intrecciano vicende legate al caso Calvi ed ai rapporti tra Vaticano e Banco Ambrosiano, ma soprattutto era nato il sospetto che all’interno della bara si trovassero i resti di Emanuela Orlandi.

La salma esaminta sembrerebbe effettivamente quella di Enrico De Pedis, detto Renatino , storico boss in “giacca e cravatta” della famigerata Banda della Magliana, freddato in Via del Pellegrino 65 a Campo de’ Fiori il 2 Febbraio 1990, a causa di un regolamento di conti degli ex amici.

Per averne certezza bisognerebbe effettuare l’esame del Dna, “che al momento non si farà”, secondo quanto riferito da Radogna, legale della vedova De Pedis.

L’avvocato precisa infatti che alla Procura di Roma possono bastare, quali prove certe,” l’esame delle impronte digitali ed il confronto con i dati già in possesso dalla polizia, che hanno permesso di accertare che si tratta di De Pedis”. Nessuna traccia invece di Emanuela Orlandi, la cittadina residente in vaticano scomparsa nel 1983, iscritta alla scuola di musica vicino alla basilica.

L'articolo prosegue subito dopo

All’interno della tomba è stato abbattuto  un tramezzo, che ha permesso di raggiungere una seconda cripta contenente altri resti umani. Secondo le indagini si tratterebbe di circa 200 urne precedenti all’editto di Saint Cloud, emanato da Napoleone il 12 Giugno 1804, con cui si stabilì che le tombe venissero poste al di fuori delle mura cittadine. La salma del boss sarà nuovamente tumulata nei prossimi giorni. Una volta svelato il mistero, Pietro Orlandi, fratello di Emanuela ha commentato: “Che Emanuela non era nella basilica non avevo dubbi”

Leggi anche

2 Commenti su De Pedis: nella tomba trovati altri resti

  1. Emanuela Orlandi, una piccola questione di tempo. Uno studio approfondito, documentato e narrato come un romanzo:
    https://www.facebook.com/Emanuelaunapiccolaquestioneditempo?ref=hl

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*