Decapita la cagnolina: non aveva soldi per il veterinario

News

Decapita la cagnolina: non aveva soldi per il veterinario

Decapita la cagnolina: non aveva soldi per il veterinario
Decapita la cagnolina: non aveva soldi per il veterinario

Un uomo, dal momento che non aveva soldi necessari per il veterinario, ha pensato di decapitare la cagnolina.

L’uomo, un pregiudicato di 43 anni, ha ammesso di aver decapitato il suo cane per non vederlo più soffrire e anche perché non aveva i soldi per portarlo dal veterinario, come ha raccontato ai carabinieri di Milano per i quali è indagato.

I carabinieri hanno capito subìto la situazione, grazie al microchip inserito nella testa del cane che è stato trovato nell’immondizia.

I carabinieri sono intervenuti allertati dalla moglie la quale ha visto il marito chiudersi in casa con la testa del cane e il coltello usato per decapitarlo.Quando i carabinieri sono giunti sul posto, l’uomo era ubriaco ed è andato via con loro senza opporre resistenza.

La compagna dell’uomo ha detto che il cane che era con loro da 13 anni non ha mai subito violenza e maltrattamenti, ma in seguito alla malattia, il veterinario ha consigliato loro di sopprimerla per non farla più soffrire. L’uomo, non avendo soldi per le spese veterinarie, l’ha decapitata.

Ai carabinieri, dopo l’accaduto, ha detto “era un cane vecchio” come a giustificare la sua morte e la sua decapitazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche