Decreto svuota carceri, no custodia cautelare in carcere per stalking

Cronaca

Decreto svuota carceri, no custodia cautelare in carcere per stalking

Il Senato ha apportato modifiche al decreto legge “svuota carceri”: l’emendamento proposto dal gruppo “Grandi Autonomie e Libertà” è stato approvato a Palazzo Madama. Il testo prevede il divieto di custodia cautelare in carcere per il reato di stalking, falsa testimonianza e finanziamento illecito dei partiti. Il Pdl e il Pd hanno richiesto invece la reintroduzione dell’arresto per lo stalking. Il tetto massimo affinchè scatti l’obbligo del carcere è stato innalzato a cinque anni.

Sono stati così “salvati” dalla custodia cautelare in carcere anche i reati di contraffazione, favoreggiamento, vendita di marchi contraffatti e loro introduzione nello Stato. Per questi reati la pena massima è di 4 anni, mentre il tetto per la custodia cautelare è ora di cinque anni. I decreto dovrà essere presentato nel’aula di Montecitorio per mercoledì prossimo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche