Decreto Trasporti: rimborso se il bus è in ritardo

News

Decreto Trasporti: rimborso se il bus è in ritardo

Decreto Trasporti: rimborso se il bus è in ritardo

Niente più ritardi: la bozza del Decreto Trasporti prevede il rimborso del biglietto se il mezzo ha un ritardi di 30 minuti.

E’ questa la novità presente nel Decreto Trasporti, oltre all’introduzione di multe salatissime se un pendolare è senza biglietto e l’installazione di un sistema di videosorveglianza, per la sicurezza dei passeggeri e del conducente. Naturalmente, il rimborso sarà negato se il ritardo è provocato da scioperi, calamità naturali o altre cause non dipendente dal mezzo.

Per quanto riguarda le multe in mancanza di biglietto, la sanzione sarà salata ma starà alla regione decidere il valore. Nelle regioni in cui non è previsto un certo importo, la bozza indica che sarà 60 volte il costo del biglietto, ma che non potrà superare i 200 euro.

Sulla videosorveglianza, invece, la bozza del Decreto prevede che il sistema potrà essere utilizzato anche per identificare coloro che non intendono dare le proprie generalità o che non si fermano al controllo del titolo di viaggio.

L’ente potrà anche richiedere l’intervento di agenti di polizia giudiziaria per i controlli ai pendolari o un società private che offrono questi tipi di servizi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche