Definizione di paralisi del sonno COMMENTA  

Definizione di paralisi del sonno COMMENTA  

La paralisi del sonno è più comunemente associata con la narcolessia, un disturbo del sonno più grave. Tuttavia, secondo Therapist Unlimited, la paralisi del sonno colpisce dal 20 per cento al 40 per cento della popolazione, a partire già all’età di 10 anni e dopo 17 anni.

Leggi anche: Come fare per far dimagrire pancia e fianchi


Caratteristiche
La paralisi del sonno può verificarsi quando ci si risveglia dal sonno (ipnopompiche) o quando ci si addormenta (ipnagogiche). La paralisi del sonno è caratterizzata dall’incapacità di muovere un arto specifico, il muscolo o l’intero corpo. Questa sensazione può durare da 10 secondi a due minuti e può essere accoppiata con allucinazioni. Queste allucinazioni possono essere un illusione leggera o una vera e propria allucinazione che appare reale per l’individuo. Le allucinazioni possono essere uditive, visive o tattili in natura.

Leggi anche: Creatinina bassa nel sangue e nei bambini: cause e conseguenze


Teorie/speculazione
Secondo MedicineNet.com, la paralisi del sonno è genetica. La mancanza di sonno, gli orari che cambiano, abuso di sostanze, dormire sulla schiena e altre patologie mentali/medico sono legate alla paralisi.


Prevenzione/Soluzione
La paralisi del sonno può durare una vita intera. Può essere gestita con gruppi di sostegno, antidepressivi e igiene del sonno. E’ utile anche per il trattamento di tutti gli altri problemi medici che possono essere collegati. Utilizzando uno studio del sonno, un medico è in grado di rilevare la paralisi del sonno e la progressione durante il trattamento.

L'articolo prosegue subito dopo


Opinione degli esperti
Secondo la National Sleep Foundation, la paralisi da sonno può essere curata a casa, migliorando le abitudini del sonno.

Curiosità
La paralisi del sonno ha diversi soprannomi. Negli Stati Uniti, è comunemente indicata come “la strega in sella alla tua schiena.”

Leggi anche

larry smith parkinson
Salute

Parkinson: malato prova la marijuana terapia. Un miracolo

La marijuana come terapia di alcune patologie. Emerge dai più rispettabili studi che il Thc,  il principio attivo delle foglie di cannabis,  rallenta o  arresta la progressione del Parkinson.   Un tipo di grave patologia che, lo ricordiamo, ancora non ha una cura efficace. La cannabis è una pianta davvero miracolosa creata da madre natura. Una serie di video mostra l'effetto straordinario della marijuana sul Parkinson. Un uomo uomo,  con il valido aiuto di un collega, prova la  marijuana medica per la prima volta. Con solo qualche goccia di olio di cannabis posizionata sotto la lingua, Larry che soffre di gravi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*