Denta line: la truffa dei dentisti low cost, chiudono e scappano con i soldi

Giro di truffe negli studi dentistici milanesi. Hanno chiuso baracca e burattini e sono scappati con i soldi delle fatture già pagate e lavori lasciati a metà. I cinque proprietari, tutti di lingua spagnola, sono ora ricercati per truffa. Ben 4500 i truffati, molti dei quali sono comunque costretti a pagare le rate dei prestiti sottoscritti con le finanziarie per le cure dentistiche.

Leggi anche: Renzi celebra il successo di Expo 2015 con un post su facebook

I ricercati sono tutti tra i 35 e i 45 anni, senza esperienza imprenditoriale e probabilmente dei semplici prestanome. Si tratta di Angel Aranda Gonzalez, Carlos Munoz Penalver, della “Clinica odontoiatrica di viale Monza, Josè Lopez Torreblanca e Francisco Perez Rubio, padroni della “Dental Line” e Luis Guinle Barbeito della “Dental Plus” in via Meda.

Leggi anche: Sei anni fa moriva Mike Bongiorno, Milano pronta a dedicargli una via

Nei guai anche i circa 30 dipendenti licenziati e senza stipendio.

Allarmata l’Aio (Associazione italiana odontoiatri), che parla di “momento delicato per il settore”, con l’invasione dei low cost, anche in paesi dell’Est Europa, che lavorano  senza regole precise e spesso senza  esperienza.

Leggi anche: Expo 2015 Spa fa chiarezza: ‘Niente proroghe, si chiude il 31 ottobre’

Bassi i prezzi. In questi centri il dentista chiede in laboratorio una corona al massimo di 120 euro ma una di buona ceramica costa ai medici tra 320 e 450 euro. Occhio alle truffe.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: Arriva il sushi tram a Milano, degustazioni gratuite per tutti

6 Commenti su Denta line: la truffa dei dentisti low cost, chiudono e scappano con i soldi

  1. Buongiorno a tutti,io faccio parte di quelle persone truffate con un lavoro a meta,se qualcuno sa a chi posso rivolgermi per finire il lavoro o provare a recuperare i miei soldi mi mandi una mail.grazie a tutti.

  2. Buongiorno Alessandra, siamo dispiaciuti per la tua disavventura.
    Ti consiglio di rivolgerti ad un’associazione di consumatori, noi di contro vi daremo tutto lo spazio di cui avrete bisogno per far…risuonare la notizia.
    saluti,
    antonietta usardi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*