Denuncia gli abusi del suo ragazzo su Facebook: le foto shock

Esteri

Denuncia gli abusi del suo ragazzo su Facebook: le foto shock

Una ragazza scozzese ha trovato il coraggio di denunciare la violenza del suo ragazzo con un gesto forte: posta le foto dei suoi lividi su facebook

Kelsie Skillen è una ragazza scozzese di 19 anni, vittima del suo ragazzo. Purtroppo non è né la prima né sarà, probabilmente, l’ultima donna ad aver subito violenza dal proprio compagno, però Kelsie ha trovato il modo per fare qualcosa di concreto contro questo fenomeno terribile che non sembra inlcine a cessare. Sulla sua pagina del profilo di Facebook infatti, Kelsie ha pubblicato un posto di denuncia per il suo ex, completo delle fotografie delle sue condizioni dopo essere stata picchiata, esplicitando il nome e il cognome del ragazzo.

La Skillen ha utilizzato i social come strumento per far arrivare il suo messaggio, forse in maniera più diretta che con una denuncia alla polizia, nel tentativo di mettere in guardia tutte le donne. Kelsie ha invitato le sue amiche e le conoscenti a stare attente ai comportamenti dei propri uomini, di non lasciarsi ingannare dalla speranza che un atteggiamento violento possa con il tempo estinguersi, perchè non è mai così.

Ecco le parole della giovane scozzese: «Mi spiace che dobbiate vedere queste immagini della mia faccia, ma voglio che tutti voi sappiate che il mio ex fidanzato James McCourt mi ha costretta a rimanere chiusa in casa per quattro ore, poi mi ha picchiato così forte da costringermi al ricovero in ospedale».

Il post continua e la ragazza sottolinea il fatto che ha voluto pubblicare le fotografie perchè molte delle persone a loro care ancora non credevano nella colpevolezza di James e continuavano a difenderlo. Il suo post ha guadagnato migliaia di like fra donne e uomini ed è stato anche condiviso numerose volte. Sicuramente il gesto di Kelsie ha avuto e avrà un forte effetto e delle conseguenze.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...