Detenuti del carcere Dozza in aiuto ai terremotati

Bologna

Detenuti del carcere Dozza in aiuto ai terremotati

Ha preso corpo il progetto di inserire nell’organico dei volontari, dei cosiddetti “angeli del terromoto”, 40 detenuti del carcere bolognese della Dozza. L’iniziativa, che non ha sollevato poche polemiche, e’ decollata ieri a Mirandola.

I detenuti, scelti tra quelli considerati “non pericolosi”e tra i tanti volontari che si sono offerti, stanno aiutando le popolazione con i lavori manuali più duri, come riposizionare e sistemare le tende che il recente vento africano ha fatto volare via.

Soddisfatti i Mirandolesi, e il ministro della Giustizia Paola Severino promotrice dell’iniziativa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*