Detenuto si impicca in cella, 28 esimo suicidio da inizio anno

News

Detenuto si impicca in cella, 28 esimo suicidio da inizio anno

Un uomo si è suicidato in carcere, impiccandosi alle grate della cella. Ha usato l’unica cosa che aveva a disposizione, il lenzuolo, avvolgendolo su se stesso fino a farne una corda, cioè un’arma.


Si tratterebbe, secondo l’Osapp, il sindacato di polizia penitenziaria che ha diffuso la notizia, di un 30 enne di origine romena, detenuto nel carcere di Alba.

È una notizia che rischia di passare quasi inosservata, che potrebbe provocare poco più che un’alzata di spalle, come a dire che, tanto, se era lì, una brava persona non era di certo.

Solo che il quadro, a ben vedere, è molto più complesso.
In primo luogo, il suicidio è un atto di violenza contro di sé che non dovrebbe mai avere una giustificazione, forse in generale, di certo in un istituto di pena, perché a quest’ultimo si demanda una funzione sociale essenziale di pagamento di un debito e di riscatto allo stesso tempo. Non è così, questo lo sappiamo tutti, perché le condizioni delle carceri offrono un contesto che non può consentire che questo ruolo si espleti.

Quindi, si potrebbe forse affermare che il carcere, com’è strutturato al momento, non serve a nulla. E, a confermarlo, si potrebbero citare le statistiche che vedono una altissima frequenza di rientro in galera per tutti coloro che, in galera, ci sono già stati.

Quando poi avvengono episodi come quello di pochi giorni fa, è ovvio che si tenda a considerare il sistema non solo fallimentare, ma addirittura dannoso.
“È il 72esimo morto dall’inizio dell’anno nelle carceri italiane” ha commentato il segretario nazionale Osapp Leo Beneduci “il 28esimo per suicidio”. Un numero impressionante, perché si tratterebbe quasi di un suicidio a settimana.
Dall’Osapp evidenziano come la mancata attivazione di assunzione straordinarie nella polizia penitenziaria non faccia che peggiorare le condizioni dei detenuti, perché, al ridursi della sorveglianza, aumenta lo spazio a disposizione dei detenuti con intenzioni suicide. Forse, però, il problema è che bisognerebbe essere certi che non sia proprio il carcere a ispirare questo genere di intenzioni.

1 Trackback & Pingback

  1. Detenuto si impicca in cella, 28 esimo suicidio da inizio anno | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...