Di Pietro: l’Italia deve cambiare completamente e migliorare COMMENTA  

Di Pietro: l’Italia deve cambiare completamente e migliorare COMMENTA  

Il leader dell’IdV, Antonio Di Pietro, sull’intricata questione politica italiana e sull’operato del governo Monti, ha dichiarato: “Le vicende degli ultimi giorni non lasciano ben sperare per il nostro Paese. Sembra che il Governo Monti stia cedendo al ricatto avanzato da Berlusconi sui temi che sono alla base della nostra democrazia:giustizia, frequenze tv e Rai. Sono convinto che sia proprio questa partita la cartina tornasole della credibilità di questo esecutivo, sarà la prova del nove per capire se siamo di fronte ad un governo fantoccio, che cede agli stop del Pdl, o ad una compagine realmente tecnica.

Leggi anche: Renzi a Palermo: scontri davanti teatro Politeama

Parliamoci chiaro: l’economia italiana va rilanciata, e su questo siamo tutti d’accordo, ma per farlo bisogna realmente essere capitani liberi e coraggiosi e mettere mano ad alcuni assetti strutturali. Fino ad oggi abbiamo assistito soltanto ad un aumento della pressione fiscale sulle solite categorie, quelle più deboli, accompagnato da tante belle parole e buoni propositi.

Leggi anche: Inchiesta sul M5S: principale fonte di disinformazione in Italia

Ma a questi propositi non sono corrisposti i fatti. Adesso il primo banco di prova sarà il 28 marzo, giorno della scadenza del Consiglio d’Amministrazione della Rai. E per il Governo è arrivato il momento di dimostrare di essere realmente libero, mettendo mano ad una riforma che ridia ruolo e dignità al servizio pubblico e ai tanti professionisti che vi lavorano. Bisogna rivedere le regole dell’azienda per rispondere al dettato costituzionale. In uno Stato democratico l’informazione deve essere libera e plurale, in modo da consentire ai cittadini di formarsi un’opinione. Purtroppo, oggi la Rai continua ad essere ostaggio degli appetiti dei partiti, è stata deturpata nel suo ruolo primario, è stata resadebole e poco concorrenziale. Tanto poco concorrenziale che i suoi bilanci fanno acqua da tutte le parti. Tutti i burattini messi ai vertici dell’azienda da Berlusconi hanno defenestrato giornalisti dalla schiena dritta, chiuso programmi di grande ascolto e accantonato coloro che non si sono piegati ai diktat del padrone della concorrente Mediaset.

Insomma, prima del 28 marzo la situazione va affrontata senza tentennamenti. L’Italia dei Valori, che non ha mai voluto poltrone né accettato quest’ignobile lottizzazione, si batterà per il varo immediato diuna nuova riforma che modifichi radicalmente la legge Gasparri. Non vogliamo alcuna proroga del Cda, ma fino a quando non ci sarà una riforma degna di essere emanata, chiediamo che sia nominato un commissario unico, indipendente e che abbia i requisiti e le competenze. E, soprattutto, che questi non venga espresso dai partiti, da quelle forze che hanno portato sul lastrico un bene pubblico come la Rai.

L'articolo prosegue subito dopo

Non c’è tempo da perdere, mancano 16 giorni all’alba. Intanto abbiamo presentato un’interrogazione per chiedere una discussione immediata in Parlamento. E il 28 marzo saremo in piazza in segno di protesta con tutti quei giornalisti, associazioni e cittadini che chiedono una svolta e vogliono che la Rai venga restituita ai legittimi proprietari”.

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*