Diabete gestazionale: rischi e cause

Salute

Diabete gestazionale: rischi e cause

Il diabete gestazionale è una patologia che può sorgere nel corso della gravidanza, i sintomi più frequenti sono nausea, vomito, sete eccessiva e perdita di peso.

Il diabete gestazionale è una patologia che generalmente si verifica solo nella seconda metà della gravidanza e che affligge circa l’1% delle donne in dolce attesa. È importante diagnosticarlo il prima possibile per evitare problemi futuri sia alla madre che al nascituro.

Ma che cos’è il diabete gestazionale e quali sono i sintomi? È un’alterazione nel metabolismo quando vengono assunti i carboidrati. Nel secondo trimestre della gravidanza, vi è un aumento della produzione degli ormoni che sono prodotti dalla placenta, i quali vanno a bloccare il lavoro svolto dall’insulina ovvero, ridurre i livelli di glucosio nel sangue. Nel caso in cui la madre non riesca a produrre la quantità necessaria di insulina, la glicemia aumenta, provocando l’iperglicemia.

Cosa rischia chi soffre di diabete gestazionale?
Innanzitutto, le future madri che sono affette da questa patologia, devono sottoporsi costantemente ad un controllo medico.

Le conseguenze possono essere diverse: infezioni, eccesso di liquido amniotico, ipertensione e addirittura parto prematuro. Tuttavia, ad avere i rischi maggiori potrebbe essere il feto. Infatti, essendo esposto a maggiori quantità di zucchero, ricevute dalla madre, aumenterà la sua produzione di insulina e assumendo più zucchero, aumenterà inevitabilmente il suo peso.

Qual è la terapia da seguire?
Dopo aver eseguito tutti gli esami necessari presso il Centro Antidiabetico, la madre affetta da diabete gestazionale, dovrà seguire una dieta. Bisogna assumere molte fibre e limitare gli zuccheri (dolci, bibite zuccherate, succhi di frutta). Assumere i carboidrati complessi, ad esempio pane, pasta, legumi ed evitare quelli semplici come il miele e lo zucchero bianco. Oltre a questi alimenti però bisogna tenere presente che anche nella frutta sono contenuti molti zuccheri, pertanto vanno banditi: arance, banane, cachi, mandarini, fichi, uva, melone e ananas.

È importante inoltre tenere sotto controllo il livello glicemico con un controllo che si può fare a domicilio, utilizzando il glucometro portatile, oppure recandosi in farmacia.

Va prestata particolare attenzione alla dieta poiché la madre non dovrà sottoporsi ad un regime che causa un’ eccessiva perdita di peso, poiché potrebbe essere dannoso per il nascituro.

Un aiuto valido per combattere il diabete gestazionale è l’attività fisica poiché permette di bruciare il glucosio disciolto nel sangue, abbassando il livello di glicemia. Inoltre fare movimento migliora notevolmente l’azione svolta dall’insulina. Prima di fare di testa propria, è indispensabile il parere del medico che consiglierà alla paziente quali sono gli esercizi più idonei.

Rimedi naturali per abbassare il diabete gestazionale
Anche la natura può essere un’alleata per ridurre il diabete. Vi sono delle erbe che possono regolare il livello di glucosio nel sangue. L’eucalipto ha proprietà ipoglicemizzanti e antiossidanti; il mirto favorisce l’assorbimento intestinale del livello di glucosio assunto; i fiori di sambuco invece hanno delle proprietà che stimolano l’insulina.

Infine, vogliamo precisare che questo articolo ha scopo puramente informativo, vi consigliamo di consultare il proprio medico prima di sottoporvi a diete o assumere sostanze che non sempre possono essere tollerate e che potrebbero provocare delle reazioni al feto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche