Diario di viaggio: Bodø, Norvegia COMMENTA  

Diario di viaggio: Bodø, Norvegia COMMENTA  

Bodø è alla fine del mondo, letteralmente. Questa città si trova appena a nord del Circolo Polare Artico ed è il capolinea nordico della rete ferroviaria norvegese. Il sole di mezzanotte è visibile dal 2 giugno al 10 luglio. In inverno dai primi di dicembre fino all’inizio di gennaio. Bodø si trova su una penisola ed è per questo molto ventosa. Gli inverni sono dominati da pioggia e non da neve.


Bodø è una città davvero moderna. E ‘la capitale del Nordland e un importante centro di comunicazione. Con la ferrovia è possibile viaggiare ulteriormente nella regione artica. Il collegamento ferroviario da Trondheim non è stato completato fino al 1961. Un bus porta i passeggeri a Narvik. Da Narvik una ferrovia corre a Kiruna e in altri luoghi in Svezia. L’aeroporto, aperto nel 1952 vicino ad una base aerea serve voli nazionali e offre anche voli estivi stagionali verso le zone meridionali. Ci sono traghetti da Bodø per le Isole Lofoten.


Bodø è stata completamente distrutta da un devastante attacco aereo della Luftwaffe il 27 maggio 1940. Il programma di ricostruzione non è stato completato fino al 1959, quando il municipio è stato aperto.

Anche se la popolazione è stata evacuata prima del raid, 3500 persone persero la casa. Per alleviarne le difficoltà, il governo svedese costruì 107 appartamenti durante l’inverno del 1941.

L'articolo prosegue subito dopo

Quando i tedeschi si ritirarono dalla città alla fine della guerra li hanno bruciati di nuovo. Anche se questa zona della città è stata ricostruita è ancora conosciuta come la vecchia città svedese. La cattedrale, posto splendido e moderno, è stata completata nel 1956. Ci sono quattro gallerie nel museo locale. Qui si spiega la storia del popolo Sami, descrivendone la pesca nelle isole Lofoten, con particolare dettaglio sulla storia di Bodø dal 1816 (quando fu fondata) fino ai tempi moderni e comprende anche un tesoro vichingo ritrovato nella zona.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*