Diario di viaggio: Gyeongsangbuk-do, Corea del Sud COMMENTA  

Diario di viaggio: Gyeongsangbuk-do, Corea del Sud COMMENTA  

La Corea del Sud sta rapidamente diventando una destinazione turistica popolare tra i viaggiatori. Con le sue bellezze paesaggistiche, i maestosi templi e i fantastici negozi, c’è poco da meravigliarsi che migliaia di turisti viaggino in questo bel paese. Seoul è la prima tappa per molti viaggiatori, ma la provincia di Gyeongsangbuk-do è certamente tra i luoghipiù affascinanti da visitare.

Leggi anche: Chi è Gunther Schabowki


Gyeongsangbuk-do è stata risparmiata durante la guerra di Corea e ancora oggi conserva racchiuso in se’ quel vecchio mondo.

Luoghi da visitare a Gyeongsangbuk-do:

Daegu –

Circa 20 km a nord di Daegu, il Palgongsan Provincial Park rppresenta una tappa obbligata da visitare. Montagnosa e assolutamente mozzafiato, è noto come la “montagna degli otto ufficiali meritevoli”. Questo nome arriva dal periodo di Shilla, quando otto generali salvarono il fondatore e re del regno Goryeo, Wang-Geon.

Leggi anche: Prezzi biglietti e scaletta Sting Parco delle Cascine Firenze 28 luglio 2016


Nel parco si trova il “Buddha guraritore”, tesoro nazionale, a circa 850 m sul livello del mare. Famoso per il suo “cappello” formato da una pietra piatta in bilico sopra la sua testa e dall’incenso che spesso lo avvolge nelle nebbie montane. Visitare il Buddha è quasi un’esperienza spirituale.


Gyeongju –

Questa città è conosciuta come “il museo senza pareti” e tiene più tombe, incisioni rupestri, pagode, templi buddisti, iconografie, rovine di palazzi e giardini di qualsiasi altra città.

L'articolo prosegue subito dopo


Le tombe di Noseo-dong dovrebbero essere sulla lista. Situate nel quartiere di Noseo-dong, il Seobongchong e Geumgwanchong sono tombe costruite adiacenti tra i secoli IV e V CE. Esse sono state scoperte nel 1920 e sono una zona popolare dei visitatori.

Anapji Pond si trova dall’altra parte della strada principale, Wolseongno, ed è stata commissionata dal re Munmu nel 674 dC. Egli aveva poi costruito un giardino di delizie per celebrare l’unificazione della penisola coreana durante il periodo di Shilla. Anche se molti degli edifici sono scomparsi, lo stagno è stato riempito e rappresenta una zona popolare per le coppie che vogliono farsi delle fotografie prima del matrimonio.

Pohang –

Il tempio di Bogyeongsa, circa 30 km a nord di Pohang, è uno spettacolo meraviglioso. Dotato di 12 cascate, gole collegate da ponti, eremi, stupe e il tempio. Il viaggiatore ne rimane colpito e meravigliato al primo impatto. I turisti possono prendere uno dei percorsi escursionistici. Il vertice è chiamato Hyangnobong e il viaggio di ritorno da Bogyeongsa dura circa sei ore. I viaggiatori si troveranno d’accordo nel dire che l’escursione fino al vertice dovrebbe essere eseguita solo da coloro che arrivano con largo anticipo. (meglio di mattina)

Andong –

Ci sono molti posti per un viaggiatore da visitare a Andong, che si trova all’incirca nel mezzo della Gyeongsangbuk-do. È un posto tranquillo, pacifico che mantiene i suoi caratteri tradizionali. La città è famosa per il suo sgombro, il soju forte e le bellissime maschere di legno.

Il villaggio antico di Andong e il museo del folklore si trovano su una collina, a circa 40 minuti a piedi dal centro della città. Il villaggio è stato ricreato in modo realistico, ed è stato utilizzato dalla rete televisiva KBS per la registrazione di drammi storici.

Accanto si trova il Museo del Folklore Andong dove i visitatori possono vedere affascinanti tradizioni coreane, dalla nascita alla loro scomparsa.

Ci sono molte altre città diverse, paesi e villaggi che i turisti possono esplorare mentre si trovano a Gyeongsangbuk-do. Gli amanti della natura, la storia e gli amanti archeologi possono trovare qui la propria esperienza ideale in questa parte bellissima e affascinante della Corea del sud.

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*