Dieselgate, la concorrenza all’attacco di Volkswagen - Notizie.it
Dieselgate, la concorrenza all’attacco di Volkswagen
News

Dieselgate, la concorrenza all’attacco di Volkswagen

Era inevitabile, in un certo senso, perché il libero mercato è il libero mercato, business is business e, in queste cose, non c’è spazio per i buoni sentimenti.

Ammesso, s’intende, che ancora Volkswagen possa suscitare per sé buoni sentimenti.

La casa automobilistica tedesca al centro dello scandalo dei motori equipaggiati con il software in grado di truccare le emissioni eludendo le leggi (ma non l’ambiente che queste dovrebbero proteggere), come non fosse già in seria difficoltà, deve ora fronteggiare gli attacchi diagonali della concorrenza che intende approfittare del momento di debolezza del colosso di Wolfsburg.

Se Bmw, forse per senso di appartenenza nazionale, si è finora mantenuta in seconda linea, davanti a tutti ci sono Fiat Chrysler e Toyota.

Il gruppo italo americano ha lanciato una spudorata campagna di supervalutazione dell’usato delle marche Volkswagen, Audi, Seat e Skoda, con ulteriori sconti e promozioni rispetto a quelli già in atto, per un totale che può andare dai 500 euro nel caso in cui si acquisti una Fiat 500, ai 750 euro nel caso in cui si acquisti una Alfa Romeo Giulietta o una Fiat 500 X, ai 1500 euro nel caso in cui si acquisti una Jeep Grand Cherokee.

Non importa che l’auto usata di cui ci si vuole liberare sia una di quelle coinvolte nel Dieselgate: l’importante è che appartenga al gruppo tedesco e l’affare si può fare.

Per avere un’idea dello sconto complessivo si possono considerare 1500 euro di base, 3000 euro di supervalutazione dell’usato e la valutazione della vettura usata in sé: un invito a disfarsi delle Volkswagen, insomma, non c’è che dire.

Toyota, con maggiore discrezione, sta avviando una campagna di incentivazione di tutti i modelli ibridi (tipologia di auto che, in Italia, copre un piccolo 2% del mercato), quelli più performanti dal punto di vista della protezione dell’ambiente, contrapponendosi, proprio in termini generali di prodotto, al classico modello diesel.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche